Castellabate, circa 200 partecipanti per la tre giorni di nuoto di fondo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Circa 200 nuotatori, compresa una rappresentanza dall’Argentina, hanno preso parte alla tre giorni di Nuoto di Fondo nelle acque di Castellabate, nell’ambito delle gare organizzate dal Circolo Nautico Punta Tresino con il patrocinio del Comune di Castellabate e della FIN, con la collaborazione del Centro Sportivo Italiano e del Circolo Canottieri Agropoli, e con il supporto degli sponsor RTS e Convergenze. L’iniziativa rientra nell’ambito del Grand Prix “Le Tre Sirene”, che si svolgerà fino al mese di settembre tra Costiera Amalfitana, Cilentana e Penisola Sorrentina.

Nella traversata di 3 km ha trionfato Salvatore Mazzotta (SSD Sorrento Infinity Arl), seguito da Massimiliano Pinto (Due Ponti SSD) e Giuseppe Cantisano (Caravaggio S.V. Acqua SSD). Nella classifica femminile, gradino più alto del podio per Irene Mantovani (Villa York Sporting Club), seguita da Marina Peluso (Peppe Lamberti N.C. ASD) e Renata Maria Perretti (Swimrun South ASD).

Nella prova di 5 km, sempre nel cuore dell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate, ha vinto Salvatore Saldutti (ASD Vanessa Nuoto Smile), secondo posto per Luca Monolo (Nuotatori Milanesi) e terzo posto per Luca Parrella (Rari Nantes Nuoto Salerno). Tra le donne, trionfo per Chiara Cascella (Olimpia Sport Village SSD), seguita da Rosa Coppola (Olimpia Sport Village SSD) e Antonietta Di Giovannantonio (Acadueo Srl – Aversa).



    Nel miglio, invece, ha vinto Luca Campese (Caravaggio S.V. Acqua SSD), secondo posto per Catello Scola (Sintesi SSD) e terzo gradino del podio per Michele Baviera (Peppe Lamberti N.C. ASD). Nella classifica femminile, primo posto per Lucia Salvati (Cus Salerno ASD), secondo posto per Francesca Fortini (Peppe Lamberti N.C. ASD) e terzo posto per Giuseppina Auletta Peppe Lamberti N.C. ASD).

    Gran finale, domenica mattina, con la traversata di 15 km del “Gran Fondo Italia”, circuito a tappe di nuoto in acque libere su lunghe distanze, che ha visto trionfare l’argentino Claudio Marcelo Plit, già vincitore di ben quattro edizioni della Capri-Napoli. Secondo posto per Angel Roman Tassisto (Federacion Cordobesa De Natacion) e terzo posto per Andrea Ruzzi (Canottieri Milano). Tra le donne, trionfo per Raffaella Aimone (ASD Nuotatori Canavesani), seguita dalle argentine Celeste Monica Ramos e Victoria Chamorro.

    “Abbiamo rivisto tanti atleti nelle splendide acque di Castellabate ­- spiega Giovanni Pisciottano, direttore sportivo del Circolo Nautico Punta Tresino E’ doveroso ringraziare tutti coloro che ci hanno supportato nell’organizzazione delle gare. Le condizioni meteomarine hanno favorito lo spettacolo in acqua e dato modo agli atleti di competere fino alla fine per la vittoria e allo stesso tempo di ammirare, bracciata dopo bracciata, la bellezza di questo mare e di tutto ciò che lo circonda”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Una sentenza storica della Corte di Cassazione ha condannato l'Ospedale Piemonte e Regina Margherita di Messina al risarcimento di oltre un milione di euro ai familiari di un paziente deceduto a causa di epatite C contratta dopo una trasfusione di sangue infetto. Il paziente, sottoposto a un intervento chirurgico di...
    In una lettera aperta pubblicata sull'account Instagram della Curva Sud Milano, Luca Lucci, capo degli ultras rossoneri, ha espresso il desiderio di cambiamento alla guida tecnica del Milan. Lucci inizia la sua lettera ricordando i meriti dell'attuale allenatore, riconoscendogli il merito di aver vinto uno degli scudetti più significativi...
    Un tentato femminicidio si è verificato ieri pomeriggio lungo la strada statale 126 a Carbonia nei confronti di una donna di 45 anni. Mentre era al telefono con le forze dell'ordine, l'uomo da lei precedentemente denunciato per stalking e minacce l'ha seguita per le strade della città e ha cercato...
    La storia raccontata da una studentessa del Liceo Scientifico Filolao di Crotone parla della sua storia

    IN PRIMO PIANO