Aggiornato -

15 Agosto 2022 - 11:44

Aggiornato -

lunedì 15 Agosto 2022 - 11:44
HomeCronacaCronaca di NapoliCamorra, 12mila euro in pochi giorni per le mogli dei carcerati di...

Camorra, 12mila euro in pochi giorni per le mogli dei carcerati di Miano. I NOMI

Camorra, il panettiere vittima delle richieste estorsive del gruppo malavitoso di Miano ritenuto una sotto articolazione del clan Lo Russo (detti “i Capitoni”) e’ stato costretto a pagare quasi 12mila euro ai suoi aguzzini nell’arco […]
google news

Camorra, il panettiere vittima delle richieste estorsive del gruppo malavitoso di Miano ritenuto una sotto articolazione del clan Lo Russo (detti “i Capitoni”) e’ stato costretto a pagare quasi 12mila euro ai suoi aguzzini nell’arco di un breve lasso di tempo.

E’ quanto emerge dal provvedimento di fermo – notificato dai carabinieri della compagnia Vomero e dalla Polizia di Stato di Napoli- con la quale la DDA ha “neutralizzato” otto presunti estorsori. Per gli investigatori partenopei il clan Lo Russo e’ vivo, vegeto e pericoloso.

A dimostrarlo e’ la sequela di episodi criminali – tutti allarmanti – che negli ultimi anni hanno riguardato i quartieri napoletani di Miano, Chiaiano, Piscinola e Marianella: omicidi e tentati omicidi, oltre alle estorsioni ai danni dei commercianti.

I destinatari dei provvedimenti di fermo sono Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto “Totore o’ Cavallo”, Cesare Duro, 21 anni, Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Vincenzo Pagliaro, 20 anni, detto “Vincenzo o’ Pagliaro”, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto “o’ mostr (“il mostro”, ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto “Raffaele o’ pazz”.

Al panettiere l’imposizione dell’aumento della “tassa” e’ stata formulata prima nel corso di un incontro in un bar e poi nell’abitazione di uno degli indagati, Giovanni Perfetto, alla presenza di tre dei destinatari dei provvedimenti di fermo notificati ieri da Carabinieri e Polizia.

La vittima il 30 maggio ha consegnato ai suoi strozzini 7mila euro, 1835 euro per il pane venduto a giugno e il primo dello stesso mese (giugno) un acconto di 3mila euro dei 5mila previsti per il mese in corso, sempre giugno. Nei prossimi giorni e’ prevista l’udienza di convalida dei fermi, emessi dal pubblico ministero Maria Sepe e dal facente funzioni di procuratore Rosa Volpe.

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Napoli, disoccupati davanti alla sede Rai simulando un lido balneare

A Ferragosto centinaia di disoccupati e disoccupate sono in piazza, vicino lo Stadio Maradona di Napoli verso la sede della Rai di Via Marconi,...

Napoli, inchiesta sulla morte post parto di Vincenza Donzelli

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause dea morte di Vincenza Donzelli, 43 anni fondatrice della Galleria Borbonica. I familiari hanno presentato una denuncia...

Golfo di Policastro, muore a 18 anni giovane promessa del calcio

E' morto a soli 18 anni Lorenzo Pio Coronato, giovane calciatore di Ispani, in provincia di Salerno, coinvolto in un grave incidente stradale nella...

 Meteo Napoli, nuvolosità innocua e da domani il gran caldo

meteo Napoli, il tempo pienamente bello dopo i nubifragi dei giorni scorsi. Poi da domani irromperà dal nordafrica la sesta ondata di calore verso il...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita