Napoli, si sottraggono al controllo e fuggono: 2 ragazzi denunciati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Stanotte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Provinciale Montagna Spaccata hanno notato uno scooter con due persone a bordo che viaggiava a forte velocità e il conducente, alla vista degli operatori, ha accelerato ulteriormente la marcia per eludere il controllo nonostante gli fosse stato intimato l’alt.

Ne è nato un breve inseguimento terminato nella medesima via dove il conducente, dopo aver effettuato manovre pericolose per la circolazione stradale e aver impattato contro l’auto di servizio, ha perso il controllo del motoveicolo rovinando a terra; in quei frangenti l’uomo è stato raggiunto e bloccato insieme al passeggero che, nel frattempo, aveva tentato di disfarsi di un involucro contenente marijuana.

I due, 18enni napoletani, sono stati denunciati per resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento; inoltre, il conducente è stato altresì sanzionato per guida senza patente, mancata revisione periodica e mancata copertura assicurativa, mentre il passeggero è stato sanzionato per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE