HomeAttualitàItaliaFabio chiede suicidio assistito: 'Lo Stato mi aiuti a morire'

Fabio chiede suicidio assistito: ‘Lo Stato mi aiuti a morire’

google news
suicidio assistito
Foto dal web

Fabio chiede suicidio assistito: ‘Lo Stato mi aiuti a morire’. Immobilizzato da 18 anni, comunica con puntatore oculare.

“Gentile Stato italiano, da 18 anni sono ridotto così. Ogni giorno la mia condizione diventa sempre più insostenibile. Aiutami a morire”. E’ l’appello di Fabio Ridolfi, 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino), da 18 anni immobilizzato a causa di una tetraparesi da rottura dell’arteria basilare.

Può muovere solo gli occhi e comunica attraverso un puntatore oculare. Assistito dall’Associazione Coscioni, si è rivolto all’Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) Marche che, in seguito alla giurisprudenza creata dai casi di ‘Mario’ e Antonio’, ha attivato le verifiche previste dalla sentenza della Corte Costituzionale Cappato/dj Fabo.

Fabio è stato sottoposto a tutte le visite mediche del caso ma, dal 15 marzo quando la relazione medica è stata inviata al Comitato Etico Regione Marche – fa sapere l’Associazione Luca Coscioni – “ancora non è arrivato nessun parere, né sulle sue condizioni né sulle modalita’ per poter procedere con suicidio medicalmente assistito”.

Fabio è il terzo italiano a fare richiesta di suicidio assistito, dopo Mario e Antonio, nomi di fantasia di due tetraplegici, sempre marchigiani. In contatto da tempo con Mina Welby, aveva valutato anche la possibilita’ di andare in Svizzera. A differenza degli altri due, che hanno preferito l’anonimato, Fabio ha reso noto il suo nome e il suo volto, diffondendo un video in cui lo si vede comporre il suo appello con il puntatore oculare.

“Fabio chiede di porre fine alle sue sofferenze in modo indolore, con le modalità più veloci e rispettose della sua dignità. E’ un suo diritto, sulla base della sentenza della Corte costituzionale nel caso Cappato/Antoniani – hanno dichiarato Filomena Gallo e Marco Cappato, segretario nazionale e tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni -. Ancora una volta, come già successo con Mario e Antonio, il ritardo dell’Asur nel rispondere alla sua richiesta, in violazione degli obblighi di legge, comporta sofferenze che per Fabio sono da anni insopportabili”.

Mario e Antonio, però, hanno dovuto ingaggiare delle battaglie legali, a suon di diffide, per ottenere la verifica da parte dell’Asur delle condizioni per accedere al suicidio medicalmente assistito, previste dalla sentenza della Consulta.

Nel caso di Mario, alla fine, è arrivato il parere positivo del Comitato Etico Regione Marche e sono state superate anche alcune difficoltà interpretative legate al tipo di sostanza da utilizzare, alla quantità e alle modalità di somministrazione.

Antonio invece è ancora in attesa. Ma sulla scorta di queste esperienze, l’Asur questa volta non ha atteso l’ordine dei giudici e si e’ attivata per le verifiche.

Gustavo Gentile
Gustavo Gentilehttps://www.cronachedellacampania.it
Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Terremoto a Nusco, sciame sismico di bassa intensità: nessun danno

Uno sciame sismico di bassa intensita' e' in corso in alta Irpinia, con epicentro a Nusco. Lo segnale l'Ingv che ha registrato l'attivita' tra i...

Casoria, picchia i medici perché non ottiene il certificato di malattia

I carabinieri a Casoria sono intervenuti in via Don Luigi Sturzo, nella sede della guardia medica. Un paziente si e' presentato per il rilascio di...

San Gennaro Vesuviano, arrestate 2 rom di Secondigliano: dopo un furto in appartamento

San Gennaro Vesuviano. Hanno 31 e 25 anni le due donne arrestate per concorso in furto in abitazione. A sorprenderle in strada i carabinieri...

Omicidio Willy, ergastolo ai fratelli Bianchi, 21 anni a Pincarelli 23 a Belleggia

Omicidio Willy: ergastolo ai fratelli Marco Bianchi e Gabriele Bianchi, 23 anni a Francesco Belleggia e a 21 Mario Pincarelli. E' la sentenza pronunciata oggi...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita