Casavatore, Cavalli di ritorno nell’agro, assolto perché il fatto non sussiste l’ex consigliere Mauro Ramaglia.

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casavatore – Cavalli di ritorno nell’agro, assolto perché il fatto non sussiste l’ex consigliere Mauro Ramaglia. “Sempre avuto fiducia nella giustizia”. Era entrato nell’inchiesta a seguito delle indagini sulla banda del cavallo di ritorno: e tra quelli colpiti da ordinanza cautelare di obbligo di dimora era finito anche l’ex consigliere Mauro Ramaglia, titolare della società di noleggio M.RENT e il suo dipendente Ciro Gatta.

Il provvedimento a carico di Ramaglia e Gatta, aveva colpito anche Giorgio Bottiglieri, Raffaele De Rosa, Andrea Amarone, Emanuele Maiello e Santino Busiello (tutti condannati), ed era scaturito dalle indagini avviate dai Carabinieri che avevano registrato un notevole aumento di furti di autovetture nei comuni dell’agro aversano a partire dal mese di marzo scorso.

Nell’ambito di un’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri della Stazione di Trentola Ducenta con l’ausilio dei militari di Casavatore, avevano eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli Nord nei confronti di sette persone (destinatari uno di custodia cautelare in carcere, tre degli arresti domiciliari, due del divieto di dimora ed uno dell’obbligo di presentazione alla P.G.), domiciliate nelle province di Napoli e Caserta, gravemente indiziate dei delitti di associazione per delinquere finalizzata ai furti di auto ed alle conseguenti estorsioni col metodo del cosiddetto cavallo di ritorno.

    Secondo l’accusa, Mauro Ramaglia e il suo dipendente Ciro Gatta che gestiscono la società di noleggio autovetture M.RENT sulla via circonvallazione esterna a Casavatore, avrebbero fornito agli autori dei delitti, per il tempo strettamente necessario, le auto che utilizzavano per commettere l’attività illecita, intestando il contratto di locazione ad ignari soggetti estranei ai fatti.

    Ma dopo il processo e le arringhe degli avvocati difensori Lidia Mastroianni e Nunzia Amoroso, la prima sezione penale del Tribunale di Napoli Nord ha emesso la sentenza di non luogo a procedersi nei confronti di Ramaglia e Gatta perché il fatto non sussiste. “ Ho sempre avuto fiducia nella giustizia e nei miei avvocati. Finalmente è finito un incubo”.

    Luigi Vanacore


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE