L’ambasciatore russo in Polonia è stato macchiato di vernice rossa durante la protesta

L'ambasciatore Sergey Andreev è arrivato al cimitero dei soldati sovietici per deporre fiori nel Giorno della Vittoria, che segna la sconfitta della Germania nazista da parte degli Alleati. Foto di AP/Maciek Luczniewski

L’ambasciatore russo in Polonia è stato cosparso di vernice rossa da attivisti filo-ucraini a Varsavia lunedì quando ha cercato di deporre una corona di fiori per commemorare il Giorno della Vittoria.

è stato attaccato al cimitero dei soldati sovietici nella capitale polacca, dove è arrivato per l’evento che segna la sconfitta della Germania nazista da parte degli Alleati.

ambasciatore russo
I manifestanti portavano bandiere ucraine e cantavano contro di lui “fascista” e “assassino”, mentre alcuni erano vestiti con lenzuola bianche imbrattate di sangue, a simboleggiare le vittime ucraine della guerra russa. Foto di AP/Maciek Luczniewski

L’ambasciatore è stato subito circondato da una folla di attivisti contrari all’invasione dell’ da parte del Cremlino.

Andreev viene visto essere schizzato con vernice rossa lanciata da dietro prima che un manifestante in piedi accanto a lui gli getti una grossa macchia in faccia.

Il gruppo ha quindi impedito all’ambasciatore e ad altri di deporre i fiori al cimitero mentre portavano bandiere ucraine e cantavano contro di lui “fascista” e “assassino”.

ambasciatore russo
L’ambasciatore russo in Polonia, l’ambasciatore Sergey Andreev è coperto di vernice rossa il 9 maggio 2022. Foto di AP/Maciek Luczniewski

Alcuni indossavano lenzuola bianche imbrattate di sangue, a simboleggiare le vittime ucraine dell’invasione russa, iniziata il 24 febbraio.

“A Varsavia, durante la deposizione di una corona di fiori al cimitero dei soldati sovietici, è stato compiuto un attacco all’ambasciatore russo in Polonia, Sergei Andreev, e ai diplomatici russi che lo accompagnavano”, ha detto a Telegram la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova.

“Gli ammiratori del neonazismo hanno mostrato ancora una volta i loro volti”, ha detto, ripetendo l’affermazione del che sta combattendo i neonazisti in Ucraina.

LEGGI ANCHE  Quando il gioco fa il bene della società: EL nel 2020 ha dato un contributo fondamentale

“Ma come ho detto prima, non possiamo farci intimidire. Deve essere terribile per gli abitanti d’Europa vedere i propri riflessi allo specchio”, ha aggiunto.

La polizia ha aiutato Andreev e altri membri del suo entourage a fuggire dalla scena caotica.

Ha detto all’agenzia di stampa russa RIA Novosti di non essere stato gravemente danneggiato nell’attacco.

La Polonia ha accolto centinaia di migliaia di rifugiati dall’ da quando Mosca ha inviato truppe nel paese.

ambasciatore russo
L’ambasciatore russo in Polonia, l’ambasciatore Sergey Andreev reagisce dopo essere stato ricoperto di vernice rossa. WOJTEK RADWANSKI/AFP

Lunedì, il presidente Vladimir ha utilizzato una massiccia parata annuale della vittoria a Mosca per giustificare la sua brutale guerra all’Ucraina, dicendo a 11.000 soldati radunati che devono continuare a combattere per la sopravvivenza della Russia e per fermare “l’orrore di una guerra globale”.