Botti di Capodanno, 15 feriti tra Napoli e provincia: uno perde l’occhio


ADS


Solo 2 le persone ricoverate negli ospedali di Napoli per le ferite causate dai botti di Capodanno. in provincia sono 6 i feriti: il più grave a Carbonara di Nola dove uno uomo di 47 anni ha perso l’occhio

botti di capodanno

ADS

Sono 15 feriti a e provincia per i botti di Capodanno: nove in città e 6 nell’hinterland.

L’incidente piu’ grave pero’ è avvenuto in provincia di dove un uomo di 47 anni, originario di Carbonara di Nola, ha perso un occhio. Il ferito e’ stato trasportato prima nell’ospedale di Sarno, nel Salernitano, e poi in quello di Nocera Inferiore dove e’ stato ricoverato.

Due persone solo sono ricoverate, però, e si tratta dello srilankese raggiunto al torace da un proiettile vagante prima della mezzanotte nel quartiere di Montesanto, che è all’ospedale Pellegrini non in gravi condizioni; e di una donna di 53 anni, con gravi lesioni agli occhi per lo scoppio di un petardo, che è al Cardarelli.

Gli altri 7 sono stati curati e dimessi per lesioni agli arti sempre al Cardarelli e al Fatebenefratelli.

In provincia, ferite 5 persone, e nessuna ha avuto bisogno di ricovero. Due sono state curate all’ospedale di Frattamaggiore, due in quello di Giugliano e una, quella che ha riportato la lesione più seria, a una mano, nel nosocomio di Castellammare di Stabia.

A e in diversi comuni della sua provincia erano state emanate ordinanze che proibivano l’uso di fuochi artificiali. Ma in pratica nessuno le ha rispettate, o meglio c’è stato chi comunque non le ha volute rispettare.

Botti e fuochi d’artificio hanno salutato a l’arrivo del nuovo anno, nonostante l’ordinanza che li vietasse emessa dal sindaco Gaetano Manfredi. Lo stesso, peraltro, è accaduto in diversi altri centri della provincia dove erano stati emanati provvedimenti analoghi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE.A Napoli ferito al petto da proiettile vagante

Il provvedimento è entrato in vigore dalle 16 ieri e resta valido fino alla prossima mezzanotte, ma già da ieri pomeriggio, anche se con diversa intensità rispetto all’avvicinarsi del nuovo anno, erano cominciate a sentirsi forti esplosioni nei vari quartieri della città.

@RIPRODUZIONE RISERVATA