.La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso alla condanna a 19 anni di reclusione emessa dalla Corte di Appello di nei confronti di , l’ex compagno di la donna che il 19 agosto 2015, nel quartiere Vomero di Napoli, si tolse la vita lanciandosi nel vuoto dalla propria abitazione.

La Suprema Corte ha condannato Perrotta al pagamento di ulteriori spese nei confronti delle parti civili: l’Associazione Salute Donna, rappresentata dall’avvocato Giovanna Cacciapuoti, e nei confronti dei genitori e della sorella di Arianna. Perrotta e’ stato ritenuto responsabile della morte di Arianna in primo e in secondo grado.

LEGGI ANCHE  Napoli, ok dalla Giunta: più vigili in strada nei weekend
ADS

La Corte di Appello di Napoli (V sezione penale, presidente Rosa Romano), lo scorso 29 marzo aveva condannato a 19 anni di carcere Perrotta, riducendo di tre anni la pena a 22 anni inflitta in primo grado. Per i giudici di secondo grado Arianna si tolse la vita a causa “dell’intollerabile disperazione conseguita alle condotte maltrattanti del compagno”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Messaggi choc di Arianna prima del suicidio, i giudici: “L’ex la portò alla disperazione

@RIPRODUZIONE RISERVATA




Il santo del giorno: Santa Flora di Cordova

Notizia precedente

Don Nicola De Blasio in carcere per pedopornografia

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..