Napoli, il garante dei detenuti: “Troppi a Poggioreale, serve indulto”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. “Nei giorni scorsi il sindacato di Polizia Penitenziaria (Sappe), ha denunciato il sovraffollamento del carcere di Poggioreale dichiarando che e’ diventato una pentola a pressione.

 E che mette a serio rischio la sicurezza stessa del penitenziario ed ogni ipotesi di attivita’ trattamentale finalizzata al recupero dei detenuti stessi. Ed e’ vero, Poggioreale e’ una polveriera a miccia corta, anche perche’, purtroppo, il populismo penale si coniuga con il populismo politico che non ha sosta nemmeno nel corso della pandemia”.

Così Samuele Ciambriello, garante campano dei detenuti, all’uscita dal carcere di Poggioreale, dopo aver effettuato colloqui nell’istituto penitenziario, che attualmente “ospita” 2.240 detenuti. Nel carcere di Poggioreale, e piu’ in generale in Campania, ci sono 625 detenuti di fuori regione di cui 62 stranieri su un totale di 6429 detenuti, ricorda il garante.

    “Questa prassi non solo, contribuisce al sovraffollamento delle celle, ma viola il principio di territorialità della pena. Il sovraffollamento è, anche, sinonimo di un eccessivo ricorso alla custodia cautelare in carcere che dovrebbe costituire una scelta di extrema ratio – sottolinea. Le leggi non sono una macchina che una volta messa in moto va da se’, le leggi sono pezzi di carta che se lasciamo cadere non si muovono.

    Talvolta ritardi nelle decisioni, anche della magistratura di sorveglianza che risulta essere sottodimensionata a Napoli, Caserta, Salerno; sono la causa di ansia, angoscia, sofferenza fisica, atti di autolesionismo e sovraffollamento. Occorrono più misure alternative al carcere”.

    Secondo i dati della relazione annuale del 2020 del Garante regionale nella casa circondariale di Poggioreale, si sono registrati 323 atti di autolesionismo, 250 scioperi della fame e/o sete, 467 infrazioni disciplinari, 33 tentativi di suicidio, 2 suicidi e 8 decessi di morte naturale. Per quanto riguarda il primo semestre del 2021 si contano 152 atti di autolesionismo, 1 decesso per cause naturali ed 1 suicidio, 13 tentativi di suicidio sventati in tempo dalla Polizia Penitenziaria e 119 colluttazioni.

    ”Non sono bastati i timidissimi provvedimenti deflattivi con i decreti legge durante la pandemia, che hanno prodotto numeri esigui di persone uscite dalle carceri – conclude Ciambriello – Occorre che il Governo e il Parlamento facciano di più, un provvedimento serio e di portata nazionale, un piccolo indulto”. 






    LEGGI ANCHE

    Napoli, approvato piano per 900 famiglie per nuovi alloggi a Scampia e zona est

    Il Comune di Napoli ha approvato un programma per la costruzione di nuovi alloggi a Scampia e nella zona est per circa 900 famiglie. Questi alloggi saranno realizzati con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) a Scampia, Taverna del Ferro e nel Campo BiPiani di Ponticelli. Questa iniziativa fa parte del piano di riqualificazione urbana e rigenerazione sociale avviato dall'amministrazione Manfredi, con l'obiettivo di offrire soluzioni abitative avanzate e sostenibili per migliorare...

    Circumvesuviana, arrivano i vigilantes e oggi riunione in Prefettura sulla sicurezza

    L'EAV ha mantenuto la promessa di inviare vigilantes al passaggio a livello di via Crapolla, a Pompei,  teatro di quattro raid vandalici in meno di un mese. Il Prefetto di Napoli ha convocato per oggi alle 12,30 un comitato per l'ordine pubblico per la sicurezza in Circumvesuviana. "Sono atti gravissimi, fenomeni che preoccupano, per l'incolumità e la sicurezza dei passeggeri", ha spiegato il prefetto Di Bari. Le indagini della Procura di Torre Annunziata procedono speditamente.Si ipotizza...

    De Laurentiis infastidito con DAZN, il motivo secondo Tuttosport: c’entra il nuovo calendario del Napoli

    Aurelio De Laurentiis ha fatto un'apparizione nella sala stampa prima della conferenza di Calzona e ha annunciato che i membri della SSC Napoli non concederanno più interviste ai microfoni DAZN. Il motivo? Secondo quanto riportato da Tuttosport, il presidente è convinto che DAZN abbia imposto la decisione di giocare la partita degli azzurri contro l'Atalanta alle 12:30 del sabato 30 marzo, vigilia di Pasqua. De Laurentiis avrebbe preferito spostare la partita almeno al lunedì, dando...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE