Simulazioni di corpo a corpo e assalti avvenivano nei campi della provincia di # e del Casertano con ex militari e combattenti ucrainiNapoli. Per fare proseliti, l’associazione neonazista individuata dai pm di che hanno disposto perquisizioni a carico di 26 persone, era vicina a posizioni no vax.

Le persone ritenute dagli inquirenti a capo del gruppo sono e , rispettivamente di 40 e 46 anni, presidente e vice presidente dell’ ai quali viene contestato anche il possesso di armi.

ADS

L’associazione utilizzava, per diffondere l’odio razziale, i social e note chat, come WhatsApp e Telegram. Sono emersi contatti con formazioni ultranazionalista apertamente neonaziste ucraine denominate “Battaglione Azov”, “Misantrophic Division“, “Pravi Sector” e “Centuria”. Trovate, durante le perquisizioni eseguite oggi, numerose armi “soft air”, fra cui anche un lancia granate, abbigliamento tattico militare e altre attrezzature sulle quali sono in corso accertamenti.

A maggio scorso i pm di Napoli avevano già disposto perquisizioni nei confronti di alcuni degli indagati, dopo l’intercettazione di messaggi nei quali si faceva riferimento alla disponibilità di armi e alla programmazione di azioni violente eclatanti.

L’analisi dei dati acquisiti ha confermato l’ipotesi che l’associazione neonazista si era organizzata ed era caratterizzata da una compartimentazione gerarchica, addestrava militarmente i suoi componenti e alcuni hanno frequentato anche all’estero corsi per l’utilizzo di armi da sparo corte e lunghe e per il combattimento corpo a corpo. Le perquisizioni hanno riguardato anche persone non indagate ma che avevano contatti frequenti con gli indagati.

LEGGI ANCHE  De Luca in tv: 'In Campania non consentiremo la mobilità tra i piccoli comuni'

La base operativa dell’associazione neonazista nel mirino dei pm partenopei era in provincia di Napoli. Era li’ che capi e adepti si vedevano, gestivano i contenuti da inserire sulle pagine web e soprattutto, come emerge dalle indagini coordiante dai dai pm Claudio Onorati e Antonello Ardituro, venivano svolte anche attivita’ paramilitari e addestramento all’uso delle armi.

Simulazioni di corpo a corpo e assalti avvenivano nei campi del Napoletano e del Casertano con ex militari e combattenti ucraini. L’arsenale consisteva in armi ‘soft air’ modificate per sparare proiettili veri. Il gruppo svolgeva lezioni in presenza e via social per estendere la propria rete di proseliti. Un ‘insegnamento’ dalla forte matrice suprematista e negazionista della shoah con simbologia e riti hitleriani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, scoperta associazione sovversiva neonazista: perquisizioni

Le perquisizioni eseguite oggi,  seguono altre disposte nel maggio scorso nei confronti di alcune delle persone indagate e hanno riguardato anche persone non sottoposte ad indagini, ma in stretto contatto con gli indagati.

 



Giuseppe Del Gaudio, giornalista professionista dal 1991. Amante del cinema d'azione, sport e della cultura Sud Americana. Il suo motto: "lavorare fa bene, il non lavoro: stanca"

Napoli, nascondeva la droga dietro le mattonelle: arrestato

Notizia precedente

Salerno, il Comune vieta l’ingresso ai giornalisti. Il Sugc: ‘E’ grave’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..