De Luca: “Da qui ad un mese situazione covid delicata”

SULLO STESSO ARGOMENTO

De Luca: “Se non avessimo adottato con polso fermo misure piu’ restrittive che in altre parti d’Italia, potevamo avere un’ecatombe nell’area metropolitana di Napoli, che e’ la piu’ densamente popolata d’Europa e se abbiamo reso obbligatoria la mascherina anche all’aperto non lo abbiamo fatto per divertirci: abbiamo la piu’ alta densita’ abitativa d’Italia e dunque dobbiamo essere piu’ prudenti di altri”.

Lo ha detto il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, a margine di un incontro con i sindaci della Valle Caudina, in provincia di Avellino, ai quali ha ricordato anche “la delicata situazione che da qui ad un mese dovremo affrontare”.

Un “imbuto”, lo definisce De Luca: “Dovremo completare la terza dose per il personale sanitario e quello scolastico, per i quali la soglia di protezione vaccinale si sta abbassando e al tempo stesso dovremo fronteggiare l’emergenza dell’influenza stagionale”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE