Erri De Luca

Il film tratto dal romanzo di Erri De Luca, ‘Tu, Mio’, sarà diretto dal regista Bille August e ambientato sull’isola verde.

______________________________

Si girerà a Ischia e sarà diretto dal regista danese premio Oscar Bille August il film tratto dal romanzo di Erri De Luca ‘Tu, Mio’ ambientato sull’isola verde: riprese previste a maggio – giugno 2022.

Il progetto è stato presentato al 19esimo Global Film & Music Festival, l’evento dove due anni fa lo scrittore incontrò i produttori Marc e Vanessa Bikindou che con Cristaldi Pictures realizzeranno ‘Me, you‘.

Erri De Luca

Claudia Gerini/foto di repertorio

Ancora da definire il cast, Claudia Gerini dovrebbe essere la mamma italiana del protagonista sedicenne, Marco, un inglese con una dura infanzia di guerra alle spalle .

Per me un libro importante, è quello che mi ha consentito di affrancarmi dal mestiere di operaio – ha ricordato Erri De Luca (il romanzo fu pubblicato da Feltrinelli nel 1998, ndr ) – sei anni fa con Paola Porrini Bisson, che ora è coproduttrice con Ohpen, c’era l’ipotesi di coinvolgere sceneggiatori americani, poi grazie al Global festival e a Pascal Vicedomini abbiamo fatto questi incontri. E’ il momento e il regista giusto per realizzare il film, io sarò solo spettatore. August avrà la sua visione”.

De Luca spiega così il suo crescente interesse per il cinema: ”Il 900 con le sue rivoluzioni, le guerre, le migrazioni, ha disperso le piccole storie personali. Il cinema si è preso il compito di raccontarle, per questo credo che il maggior storico sia Charlie Chaplin”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Presentazione del libro ‘Procida. Gente, culture e cucina’

LEGGI ANCHE  Mascherina Obbligatoria QUANDO E DOVE (attenzione alle multe)

La vicenda del romanzo si svolge nel 1955 , in una estate memorabile Marco si innamorerà di una ragazza piè grande, Caia. Erri De Luca al Global festival ha ritirato il premio Ischia Truman Capote: ”Non accetto in genere premi letterari ma questo è una cosa diversa, Ischia mi riguarda, tutti i miei centimetri sono cresciti al sole di Ischia, qui trascorrevo tre mesi d’estate dopo i nove nella clausura dei vicoli napoletani. Crescevo solo al sole come se fossi una pianta e invece del sangue avessi della clorofilla. Mi piace anche il nome del premio: Capote è un un autore che amo, ho letto A Sangue Freddo da ragazzino”.


Di Regina Ada Scarico

Ti potrebbe interessare..

Altro Cinema