Seguici sui Social

Napoli e Provincia

Ischia, guida e guarda la tv: denunciato

A Ischia i carabinieri durante i controlli del fine settimana hanno denunciato un uomo sorpreso mentre guida e guarda la tv


PUBBLICITA

Pubblicato

il

guida e guarda la tv

Ischia. Guida e guarda la tv: anche questo nel bilancio dei controlli dei Carabinieri sull’isola. Non mancano le denunce.

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. 15 le contravvenzioni al codice della strada notificate: gran parte per utilizzo del cellulare alla guida.

Uno dei multati mentre guida e guarda la tv nella sua auto, si godeva beatamente una serie tv in streaming.

LEGGI ANCHE  Superenalotto, nessun 6 ne 5+. Realizzati otto 5 da 25mila euro. LE QUOTE

 Guida e guarda la tv – denunciato a Ischia

guida e guarda la tv

Un 45enne napoletano è stato denunciato per violazione del foglio di via obbligatorio perché sorpreso nel porto di Casamicciola, in barba al provvedimento applicato.
2 i venditori ambulanti allontanati.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHERapina in farmacia, Bonnie e Clyde arrestati per un bacio. Il video

Sono stati sanzionati per esercizio abusivo del commercio e la merce è stata posta sotto sequestro amministrativo. 4 gli assuntori di droga segnalati alla Prefettura: erano tutti nell’area portuale di Casamicciola.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Pozzuoli, il Comune bonifica e rende visibile la necropoli romana

Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a #Pozzuoli

Pubblicato

il

pozzuoli

Pozzuoli. Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a Pozzuoli nei pressi dell’anfiteatro Flavio e a breve distanza dal vulcano Solfatara grazie ad un intervento di bonifica e riqualificazione dell’area effettuato dal comune.

Nella necropoli, portata alla luce solo negli anni novanta, sono conservati testimonianze di monumenti funerari e il basolato della strada che collegava Pozzuoli con Napoli. L’incuria e l’abbandono avevano reso il sito un ricettacolo di rifiuti ricoperto completamente dalla vegetazione. L’intervento comunale giunge a seguito di un accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio che ha giurisdizione sulla necropoli.

LEGGI ANCHE  Inchiesta sulla morte della centaura sul raccordo Avellino-Salerno

“I lavori sono eseguiti a spese del comune – ha informato il sindaco – pur non avendo la competenza sul sito e prevedono il completo diserbamento di tutta l’area con la rimozione di erbacce, sterpaglie, legni e rifiuti vari. Lo facciamo a beneficio dell’ambiente e nel rispetto della collettivita’ e di un bene comune”.

Continua a leggere
longobardi logo