giardino di alice



Come nello stile di “Ma dove vivono i cartoni?“, dove ogni evento è sempre una sorpresa e nulla può darsi per scontato, domenica 25 luglio dalle 10.30 alle 18.30 a incantare i visitatori ci sarà “Il Giardino di Alice”, un’inedita avventura che avrà come scenario il Parco di Villa d’Ayala a Valva in provincia di Salerno.

Uno spettacolo itinerante e interattivo, in cui il pubblico da spettatore diventerà parte attiva, in cui tutto è possibile. I personaggi più amati della storia di Lewis Carroll rivivono in una versione riadattata esplosiva e divertente, il tutto con la complicità del meraviglioso parco risalente al XVIII secolo e che conserva la magia e il fascino dell’epoca.

Un irriverente Cappellaio Matto mette in scena il meglio del teatro di improvvisazione con il pubblico, accompagnato da un travolgente Bianconiglio che tra peripezie e furiose corse cerca la sua Alice. Una Regina di Cuori osserva e minaccia, armata di ascia, di tagliare la testa a chi non segue le sue regole mentre un pazzo pazzo gatto, anzi stregatto perde la testa.

Questo è solo un assaggio di una rappresentazione esilarante in cui i partecipanti dovranno essere pronti a tutto. I suggestivi giardini da cui si accede a Villa d’Ayala, con l’imponente Castello normanno, hanno una grande estensione e accolgono in particolare lecci, castagni ed aceri.

LEGGI ANCHE  Castellammare, il neomelodico fa la serenata (vietata) in ospedale alla figlia appena nata

Al Parco si sovrappongono viali alberati, di volta in volta, con prevalenza di Platani, Aceri montani, Laurocerasi: sono inoltre osservabili esemplari isolati di essenze, inserite probabilmente nell’Ottocento e con finalità ornamentali, quali cedri, magnolie ed altri.

Gli episodi eccezionali sono tre: i due Giardini all’italiana ed il  Teatro di Verzura. Il primo Giardino all’Italiana, di ridotte  dimensioni, si trova a pochi passi dall’ingresso del Parco, nella zona a  valle; il secondo Giardino all’italiana è quello tipicamente disegnato  come una unità formale con la Villa, prospiciente il bel prospetto con  il porticato a tre arcate; il terzo episodio è costituito dal Teatrino  di Verzura, probabilmente di realizzazione Ottocentesca, realizzato con siepi di bosso ed arricchito da busti di figure umane. Tutto il parco è disseminato di arredi quali fontane, statue,  piccole architetture; di estremo interesse è il sistema di caverne e canali, probabilmente risalente ad epoca romana e con funzioni di  incanalatura delle acque, che attraversa il Parco nella sua estensione.

Info e prenotazioni 3272540679 Whatsapp
Orario spettacoli : 10.30-11.30-12.30 16.30-17.30-18.30


Google News

‘Citar Dante’, al Castello dell’Abate si celebra il Sommo Poeta

Notizia precedente

‘Se avessi te (remix)’, il nuovo singolo di H.E.R.

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..