Ad Acciaroli vaccini ai turisti con Pfizer

Ad Acciaroli vaccini ai turisti con Pfizer per assicurare una vacanza sicura dal punto di vista del contagio

______________________________

Ad Acciaroli vaccini ai turisti con Pfizer per assicurare una vacanza sicura dal punto di vista del contagio

L’hashtag scelto è ‘safe vacation’ perché si punta ad assicurare ai turisti una vacanza sicura dal punto di vista del rischio di contagio da Covid-19.

A Pollica Acciaroli, località del Cilento in provincia di Salerno, dopo l’immunizzazione dei residenti, al via, da venerdì prossimo, le inoculazioni della seconda dose del vaccino anche ai turisti.

Dal 9 luglio, chi vorrà potrà effettuare, l’, il ‘richiamo’ di Astrazeneca; poi, saranno programmate anche sedute per il siero di Pfizer. I vacanzieri interessati dovranno inviare una e-mail a vaccini@comune.pollica.sa.it allegando il certificato di somministrazione della prima dose, un documento d’identità e la tessera sanitaria.

sindaco pollica

Stefano Pisani

“L’obiettivo è di garantire il miglior servizio sanitario possibile e, quindi, cercare di continuare a immunizzare le persone che, altrimenti, devono prendere il treno, tornare a casa, spostarsi”, spiega all’AGI il sindaco di Pollica Acciaroli, Stefano Pisani, rimarcando che questo “è un modo anche gradevole per far capire alle persone che teniamo moltissimo alla salute di tutti e cerchiamo di agevolarle nell’accesso al vaccino”.

Il primo cittadino ritiene che “sia una cosa che vada assolutamente fatta”, ma sottolinea che “il problema è che le Regioni non riescono ancora a dialogare le une con le altre”. Infatti, “per i residenti fuori regione – chiarisce – dobbiamo chiedere autorizzazioni specifiche per ognuno. Se, invece, ci fosse un protocollo d’intesa tra Regioni, sarebbe tutto più agevole”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE Contagio covid in campo estivo: in 300 in quarantena

LEGGI ANCHE  Omicidio del ginecologo: i misteri della visita di Ansaldi a Milano

Intanto, Pisani assicura che “proveremo, comunque, a recuperare i dati dalla banca dati regionale dalla quale proviene l’utente e chiuderemo qui il ciclo di vaccinazione con la seconda dose”.


Di Fabio Testa

Ti potrebbe interessare..