Scafati invasa dai rifiuti… ‘mentre il sindaco distribuisce nuovi incarichi’

Grimaldi: "Il sindaco che fa? Presenta in Consiglio comunale un atto di indirizzo per ripristinare il Consiglio di Amministrazione dell'ACSE, e cioè per distribuire nuovi incarichi a spese dei cittadini"

google news
grimaldi acse scafati
Foto comunicato stampa

Grimaldi: “Il sindaco che fa? Presenta in Consiglio comunale un atto di indirizzo per ripristinare il Consiglio di Amministrazione dell’ACSE, e cioè per distribuire nuovi incarichi a spese dei cittadini”

Cumuli di immondizia sui marciapiedi, strade non spazzate, micro discariche che si accumulano in ogni dove, anche e soprattutto fuori quelle attività commerciali che da questo subiscono un duplice danno.
Con l’incedere della stagione estiva, poi, la situazione rischia di peggiorare, con l’aumento dei miasmi e del pericolo igienico sanitario.

Già oggi insetti, blatte e zanzare invadono strade e case in ogni quartiere.
E il Sindaco che fa? Presenta in Consiglio comunale un atto di indirizzo per ripristinare il Consiglio di Amministrazione dell’ACSE, e cioè per distribuire nuovi incarichi a spese dei cittadini.

salvati
Cristoforo Salvati_foto di repertorio

Dopo l’esternalizzazione dei tributi, una nuova inversione ad U rispetto a quanto deciso dalla Commissione straordinaria.
Nel frattempo, il Sindaco propone anche di affidare alla controllata ACSE nuovi servizi. Ma non chiarisce con quali mezzi, risorse ed operatori.
Si pensa di continuare con il lavoro precario ed i sorteggi?

All’ACSE servirebbe invece un Piano industriale che ne segnasse la strategia di rilancio, un piano di assunzioni che sopperisca all’evidente carenza di organico, una strategia coordinata con l’Ente di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata.
E di repressione verso chi conferisce in maniera errata e illegale.
Ma di tutto questo non c’è traccia, così come non c’è traccia del 50% dei tributi TARI che il Comune non riesce ad incassare.

Questo perché si è volutamente smantellato l’ufficio tributi per favorirne la privatizzazione.

E perché non si è voluta rimodulare la tassazione – così come noi avevamo proposto in Consiglio – a favore delle fasce deboli: facendo si che di fianco al necessario contrasto all’evasione da “furbizia”, si sarebbe invece potuto tendere una mano a quei cittadini in difficoltà che vorrebbero pagare ma non possono.

acse
Acse Scaafati _ foto di repertorio

E invece no. Si continua sulla strada delle privatizzazioni (dopo che in campagna elettorale avevano detto “Mai più una nuova GESET”) e sulla proliferazione degli incarichi da distribuire pur di placare gli appetiti insaziabili delle mille anime della maggioranza.

Sarebbe tra l’altro il caso che prima o poi il Sindaco, come in suo potere, e come previsto dallo Statuto, chiedesse all’Amministratore Unico dell’Acse di relazionare al Consiglio e dunque alla città su criticità, modalità di funzionamento e prospettive della società che guida.
Non per altro – oltre che alle dovute spiegazioni su piano industriale, personale ed assunzioni, consulenze ed appalti sopra e sotto soglia – sarebbe curioso sapere che fine ha fatto il Progetto dell’Eco Baratto, annunciato con tanto di 6×3, e poi scomparso nella nebbia, come molti degli annunci di questa amministrazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Scafati: Yarn Bombing alla Martiri d’Ungheria

Oppure capire anche che fine ha fatto il piano parcheggi, che ha addirittura un consigliere comunale delegato, ma anch’esso, più volte annunciato, è poi più volte scomparso.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Camorra, boss in diretta sui social dalla cella

Massimiliano Esposito junior figlio del boss di Bagnoli detto o' scugnato è stato scoperto dal reporter Pino Grazioli mentre faceva le dirette social dal carcere di Asti

Al via la prima edizione del Pianeta Mare Film Festival Internazionale di Napoli

Evento divulgativo ideato in occasione del 150esimo anniversario della Stazione Zoologica Anton Dohrn,

Risse in strada: 9 provvedimenti di divieto di accesso ai pubblici esercizi.

La decisione del Questore di Napoli riguarda persone, tra i 18 e i 60 anni, originarie di Napoli, Casandrino e Frattamaggiore.

 Cantiere stradale abusivo sequestrato a Marcianise, terzo in un mese

Operazione di controllo della polizia: denunciati gli operai

IN PRIMO PIANO

Pubblicita