Aggiornato -

15 Agosto 2022 - 12:23

Aggiornato -

lunedì 15 Agosto 2022 - 12:23
HomeUltime Notizie Oggi'Napule nun cagnà' il brano di Francesco Merola e Cosimo Merolla

‘Napule nun cagnà’ il brano di Francesco Merola e Cosimo Merolla

'Una canzone che sicuramente avrebbe cantato anche mio padre'.
google news
Francesco Merola
Francesco Merola

La Napoli bella, che resiste, che si accontenta trasformando i suoi difetti in pregi è la protagonista indiscussa dell’ultimo brano cantato da Francesco Merola con Cosimo Merolla

La canzone si intitola “Napule nun cagnà”, è stata scritta da Cosimo Merolla, imprenditore nel campo della moda la cui passione per la musica napoletana lo ha spinto a scrivere e a cantare canzoni (attualmente ha all’attivo otto brani pubblicati).

Prima della joint venture musicale, tra Francesco e Cosimo è nata una profonda amicizia in quanto quest’ultimo ha pubblicato sui suoi canali una personale interpretazione del brano “Parla cu’ ‘mme”, canzone che Francesco ha dedicato al suo papà, il grande Mario Merola.

GUARDA IL VIDEO

Colpito e commosso dal gesto e dalle parole della dedica fatta pubblicamente  Francesco ha voluto conoscere Cosimo con il quale si è instaurato subito un clima di fiducia. “Da oggi in poi leva una “l” dal tuo cognome: non sei più Cosimo Merolla, ma Cosimo Merola, ti considero un fratello”: con queste parole si consolida il rapporto di stima e affetto tra i due.

Dopo qualche mese Cosimo sottopone al figlio del re della sceneggiata napoletana il ritornello di “Napule nun cagnà” (“Napoli rimman nun cagnà, Napoli rimani into core mio, tutto o’ munno mo’ o’ adda capì, Quattro Jurnata ppe nun muri’”), originariamente strofa di una poesia, che Francesco trasforma in musica. Nasce così il sodalizio artistico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ‘Temporada’, il nuovo album del percussionista Umberto Vitiello

 

“Una canzone che sicuramente avrebbe cantato anche mio padre, un testo che rappresenta a pieno la nostra Città, la Napoli genuina che rischia di scomparire a causa dei pregiudizi, e che invece bisogna ritrovare. Perché la Napoli di una volta non deve morire, non può morire, non morirà: tutti i grandi artisti, in qualsiasi parte del mondo si esibiscono, cantano una canzone classica napoletana” commenta Francesco Merola

Regina Ada Scarico
Regina Ada Scaricohttps://www.cronachedellacampania.it
Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Brusciano, arrestati 2 pusher: erano in strada a spacciare

Brusciano, arrestati 2 pusher: erano in via Borsellino a spacciare. I carabinieri della sezione operativa di Castello di Cisterna hanno arrestato per detenzione di droga...

Alcolici a minorenni, locale di Fuorigrotta chiuso per 5 giorni

Fuorigrotta, locale chiuso per 5 giorni per aver venduto alcolici a minorenni. Il Questore di Napoli, su proposta del Polizia Municipale - Dipartimento Sicurezza -...

Napoli, disoccupati davanti alla sede Rai simulando un lido balneare

A Ferragosto centinaia di disoccupati e disoccupate sono in piazza, vicino lo Stadio Maradona di Napoli verso la sede della Rai di Via Marconi,...

Napoli, inchiesta sulla morte post parto di Vincenza Donzelli

Sarà l'inchiesta della magistratura a stabilire le cause dea morte di Vincenza Donzelli, 43 anni fondatrice della Galleria Borbonica. I familiari hanno presentato una denuncia...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita