Napoli, due officine abusive scoperte a Poggioreale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, due officine abusive scoperte a Poggioreale

I carabinieri della compagnia Poggioreale insieme a quelli del nucleo ispettorato del lavoro e del gruppo forestale di Napoli hanno denunciato due uomini nell’ambito di un servizio di contrasto ai reati ambientali, disposto dal comando provinciale di Napoli. I

l primo, un 49enne di Poggioreale già noto alle forze dell’ordine, è stato segnalato all’autorità giudiziaria per esercizio abusivo di un officina meccanica in Via dello Scirocco.

Privo delle autorizzazioni prescritte gestiva illecitamente i rifiuti prodotti dall’attività e garantiva lavoro “in nero” ad un dipendente. I locali sono stati sottoposti a sequestro, l’uomo sanzionato per oltre 7700 euro.

    Ancora a Poggioreale i militari hanno denunciato un 27enne incensurato, titolare di un officina abusiva in Via Stadera,nella quale venivano effettuati lavori di auto-riparazione. Anche in questo caso è stato individuato un lavoratore irregolare: per il ventisettenne una multa di 5600 euro circa.






    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE