Minacce a Saviano e Capacchione: condannati il boss e l’avvocato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Due condanne e una assoluzione per le minacce allo scrittore Roberto Saviano e alla giornalista Rosaria Capacchione fatte in aula durante il processo di appello Spartacus a Napoli ai boss dei Casalesi nel 2008.

E’ quanto disposto dalla quarta sezione penale di Roma che inflitto 1 anno e mezzo di carcere per il capoclan Francesco Bidognetti e 1 anno e due mesi all’avvocato Michele Santonastaso, di Caserta. Assolto per non avere commesso il fatto il terzo imputato, l’avvocato Carmine D’Aniello. L’accusa nei loro confronti è minacce aggravate dal metodo mafioso.

Nel procedimento si sono costituite parte civile la Federazione Nazionale della Stampa, rappresentata dall’avvocato Giulio Vasaturo, e l’Ordine dei giornalisti della Campania. Alla lettura della sentenza era presente lo scrittore Saviano, costituitosi parte civile con l’avvocato Antonio Nobile. Rosaria Capacchione, invece, è stata assistita dall’avvocato Elisabetta Carfora.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, pizzo per gli “amici di san Giovanni”: in manette il ras

    La vicenda oggetto del processo riguarda le minacce proferite durante il processo d’Appello Spartacus nel 2008 quando venne letto in aula il famoso “proclama” contro la giornalista e lo scrittore ma anche contro alcuni magistrati della Dda.

    Proprio quel documento, letto in aula da Santonastaso e che portava la firma di Bidognetti ed Antonio Iovine, avrebbe celato minacce, aggravate dal metodo mafioso visti i mittenti. Quattro anni fa i giudici della corte d’Appello di Napoli si erano dichiarati incompetenti con il processo che era stato trasferito a Roma in quanto tra i destinatari delle intimidazioni c’erano anche magistrati.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE