Il gup di Palermo Lorenzo Jannelli ha rinviato a giudizio l’ex ministro dell’interno accusato di e rifiuto d’atti d’ufficio nell’ambito del processo .

Il senatore della Lega, nell’agosto del 2019, impedì lo sbarco a Lampedusa dei 147 migranti salvati nel Canale di Sicili. La prima udienza è fissata dinanzi alla Corte d’Assise di Palermo il 15 settembre.La Procura di Palermo aveva chiesto il rinvio a giudizio del senatore. In aula per l’ufficio inquirente c’erano il Procuratore Francesco Lo Voi, l’aggiunto Marzia Sabella e il pm Gery Ferrara. Il caso venne sbloccato dall’intervento della Procura di Agrigento che, dopo avere accertato con un ispezione a bordo le gravi condizioni di disagio fisico e psichico dei profughi trattenuti sull’imbarcazione, ne ordino’ lo sbarco a Lampedusa. La difesa di Salvini nel corso dell’arringa ha sostenuto che la decisione del senatore, dettata dall’esigenza di tutelare i confini nazionali e che comunque fosse stata presa dall’intero Governo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, morto il poliziotto ferito durante un inseguimento

Inoltre, secondo l’avvocato , difensore del leader della Lega, alla era stata offerta la possibilita’ di attraccare sia a Malta che in Spagna: la ong avrebbe rifiutato entrambe le opzioni dirigendosi verso Lampedusa. All’udienza preliminare si sono costituite 21 parti civili: oltre a 7 migranti di cui uno minorenne, Asgi (Associazione studi giuridici immigrazione), Arci, Ciss, Legambiente, Giuristi Democratici, Cittadinanza Attiva, , Mediterranea, AccoglieRete, Oscar Camps, comandante della nave e Ana Isabel Montes Mier, capo missione .

 Salvini: ‘Passare per sequestratore no, e’ ridicolo’

“Passare per sequestratore proprio no. E’ ridicola l’idea e mi spiace per i miei figli”. Lo ha affermato il leader della Lega, Matteo Salvini, poco dopo il rinvio a giudizio nell’ambito della vicenda della nave Open Arms. “Io a processo? Sopporto cristianamente. Se per aver difeso il mio Paese dovro’ venire ancora a Palermo, colgo gli spunti positivi”, ha aggiunto parlando dall’aula bunker del carcere dell’Ucciardone a Palermo.”A mio avviso sul banco degli imputati dovrebbe esserci qualcuno che gioca sulla pelle degli esseri umani mettendone veramente a rischio la vita. Perche’ se qualcuno gira, non per sei giorni, il tempo del mio presunto sequestro, ma per 13 giorni per il Mediterraneo in attesa di raccogliere altri immigrati, chi e’ il sequestratore? Chi gioca sulla pelle di questi poveri ragazzi? Sono contento perche’ al processo sono convinto emergeranno delle verità”.

Salvini, poco dopo il rinvio a giudizio nell’ambito della vicenda della nave Open Arms, ha chiarito che “al processo emergeranno delle verita’. Non sono preoccupato perche’ non ho nulla da temere”. “Ho fatto quello che ho fatto e lo rifaro’ con orgoglio dovessi avere nuovamente una responsabilita’ di governo”, ha aggiunto.



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..