FlashNews

Restano in carcere gli assassini di Maurizio Cerrato

Il gip convalida fermo per i 4 indagati “Hanno agito come bestie feroci”. Esclusa la premeditazione



restano in carcere gli assassini di maurizio cerrato




Il gip di Torre Annunziata, Antonio Fiorentino, ha convalidato il fermo del pm emesso lo scorso 23 aprile nei confronti di Giorgio Scaramella 51 anni, Domenico Scaramella 51 anni, Antonio Venditto, 26 anni e Antonio Cirillo, 33 anni.

I quattro sono accusati dell’omicidio volontario aggravato dai futili motivi di Maurizio Cerrato, 61 anni ucciso con una coltellata al petto a Torre Annunziata la sera del 19 aprile scorso. Il giudice, che ha ritenuto attendibile il racconto della figlia della vittima, Maria Adriana, testimone oculare della tragedia, assimila il comportamento degli indagati a quello delle bestie feroci.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Monsignor Battaglia ai funerali di Cerrato: ‘Non possiamo essere lasciati soli’

Sebbene ritenga che i quattro abbiano avuto la possibilita’ di organizzare le modalita’ del delitto, avvenuto solo per un parcheggio “violato”, il giudice per le indagini preliminari, nell’ordinanza, ha escluso l’aggravante della premeditazione.

Google News

Torino-Napoli, le formazioni ufficiali: Gattuso senza Ruiz e con Osimhen

Notizia precedente

Covid: 8.444 nuovi casi in Italia, tassi di positività al 5,8%

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..