Napoli, estorsioni a San Giovanni: ordinanza per il boss D’Amico e 5 affiliati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Estorsioni a San Giovanni a Teduccio: arrestate sei persone del clan Mazzarella, c’è anche una donna.

Blitz dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di sei persone – due già detenute per altra causa e quattro, tra cui una donna, libere – emessa dalla Sezione G.I.P. presso il Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

La vicenda che ha portato all’emissione del provvedimento cautelare trae origine dalla denuncia sporta nel mese di ottobre 2017 da una persona di origini napoletane, già titolare di attività commerciale, stanziatosi in provincia di Varese. Le attività investigative, coordinate dalla DDA, hanno permesso di contestare agli indagati il reato di estorsione, aggravato dalle modalità mafiose.



    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Bombe, droga e agguati ai rivali: il ritorno del boss Rosario ‘o minorenne nel regno del padrino

    Tra gli indagati ci sono Salvatore D’Amico, alias o’ Pirata, noto esponete dell’omonima famiglia malavitosa, operante nel quartiere S. Giovanni a Teduccio del Comune di Napoli, articolazione del più importante clan Mazzarella, nonché Massimiliano Baldassarre, alias o’ Serpente, soggetto ritenuto legato a contesti di camorra del Comune di S. Anastasia.
    La vittima, nel 2017, trovatosi in gravi difficoltà economiche, si era rivolto ad un suo ex cognato, per avere un prestito in danaro dell’importo di euro 4.700 con la promessa di restituire il capitale unitamente 1.000 euro a titolo di interessi.
    Per la restituzione del capitale e degli interessi, il denunciante aveva incaricato il fratello che, nell’eseguire il pagamento per l’estinzione del debito, veniva tratto in inganno da uno dei soggetti, colpiti dal provvedimento, e invece di consegnare la somma di danaro ai soggetti che avevano erogato l capitale ossia Massimiliano Baldassare, li consegnava a Salvatore D’Amico, fino all’ammontare di euro 3.900. Per farsi consegnare il danaro D’Amico minacciò il fratello del denunciante intimandogli anche che, se non avesse consegnato la somma di danaro richiesta, avrebbe portato via tutte le autovetture dei suoi parenti su Napoli.
    I soggetti, a questo punto, usarono violenze e minacce per riavere il prestito concesso in precedenza, oltre la somma ulteriori euro 1.000 da corrispondere a titolo di interesse.

    GLI ARRESTATI

    Salvatore D’Amico – detto o’pirata – nato a Napoli il 01/07/1973

    Antonio Gallo – detto Marzio – nato a Napoli il 16/03/1976

    Massimiliano Baldassarre – detto o serpente – nato a Napoli il 13/07/1976

    Antonella Paudice, nata a San Giorgio a Cremano il 20/07/1977

    Gaetano Caputo, nato a Napoli il 28/11/1995

    Luca Caputo, nato a Napoli il 14/05/1977


    Torna alla Home


    Acerra, incendia un’auto e poi si ferma a guardare il rogo: arrestato

    Antonio Bruno, residente ad Acerra, è stato arrestato dai Carabinieri della locale stazione per il presunto incendio doloso di un'auto. L uomo di 40 anni, è attualmente detenuto nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. Una vettura Audi A4 è stata trovata avvolta dalle fiamme lungo corso Italia ad...

    Villaricca, scatta l’allarme del braccialetto elettronico e lo trovano con droga: arrestato

    A Villaricca, un giovane di 18 anni, Arsenio Ascione, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri locali per detenzione di droga a fini di spaccio. Il ragazzo era agli arresti domiciliari e quando è scattato l'allarme del suo braccialetto elettronico, i militari hanno deciso di intervenire per...

    Napoli, processo crollo Galleria Umberto: due imputati rinunciano alla prescrizione

    Due dei cinque imputati nel processo d'appello sulla tragedia della Galleria Umberto I di Napoli, accaduta il 5 luglio 2014, hanno deciso di rinunciare alla prescrizione. In quella tragica giornata, lo studente quattordicenne Salvatore Giordano, residente a Marano di Napoli, perse la vita a causa delle gravi ferite riportate quando...

    Altre tre scosse di terremoto nella notte ai Campi Flegrei

    Non si ferma lo sciame sismico nei Campi Flegrei. Nella notte appena trascorsa i sismografi dell'Ingv hanno registrato tre movimenti tellurici con epicentro nella Solfatara di magnitudo compresa fra i 2.0 e i 2.5. Il primo sisma è stato registrato alle 3,34 ed è stato di magnitudo 2. Poi alle...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE