Ornella Pinto, il gip conferma il carcere per omicidio volontario

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Femminicidio di Ornella Pinto: resta in carcere Pippotto Iacomino, l’ex compagno accusato di omicidio volontario.

Custodia cautelare in carcere per Pippotto Iacomino, il 43enne napoletano, che all’alba di sabato scorso ha barbaramente ucciso l’ex compagna Ornella Pinto davanti al figlioletto di 4 anni. Il gip di Terni ha convalidato il fermo, per omicidio volontario, e applicato la misura più rigida.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ho ucciso la mia compagna: la confessione di Pippotto

L’uomo, scappato da Napoli, subito dopo l’aggressione si era costituito poco dopo le 7,30 alla stazione dei carabinieri di Montegabbione in provincia di Terni, confessando di aver ucciso la sua ex.  Il giudice ha disposto per l’uomo la custodia cautelare in carcere e l’invio degli atti all’autorità giudiziaria di Napoli per competenza. Alla confessione fatta ai carabinieri era seguita quella al pm che l’aveva interrogato nel pomeriggio presso la procura di Terni.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il papà di Ornella Pinto: Non vendetta ma vera giustizia;






    LEGGI ANCHE

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE