Muscarà: “Inchiesta Sma, rivelazioni teste su clan e omessi controlli confermano nostre denunce”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Muscarà: “Inchiesta Sma, rivelazioni teste su clan e omessi controlli confermano nostre denunce”

“Le inquietanti rivelazioni di un funzionario della direzione regionale Ambiente, ascoltato nell’ambito dell’inchiesta su Sma Campania, confermano i nostri timori, rappresentati nel corso degli anni attraverso denunce, interrogazioni ed esposti, sulla volontà politica a evitare ogni forma di controllo e trasparenza nella gestione della principale società ambientale della Regione Campania.

Una volontà palesata con la frammentazione dell’attività di controllo ambientale, distribuita tra la stessa Sma, Arpac, Arpac Mutiservizi e Cas, e con l’inspiegabile e ingiustificata decisione adottata da De Luca e Bonavitacola di dividere in due la direzione regionale Ambiente. Decisione che, stando alle pesanti accuse formulate dal teste, sarebbe stata adottata col solo obiettivo di evitare che si continuassero a “fare le pulci” su presunte anomalie nelle attività legate allo smaltimento dei fanghi e alla depurazione e, soprattutto, sugli anomali affidamenti di somma urgenza”. È quanto denuncia la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà.

“È evidente oggi – sottolinea Muscarà – che la parcellizzazione delle società ambientali sia stata dettata dalla necessità di ricorrere a un sistematico scaricabarile di responsabilità tra le società regionali, oltre che tra la Regione e i singoli enti provinciali, consentendo alla criminalità organizzata di poter approfittare dei vuoti venutisi a creare. E che il fenomeno potrà superarsi esclusivamente riunendo le migliori forze e competenze delle quattro partecipate ambientali, nel neonato Polo Ambientale, costituito al momento solo sulla carta, ma a cui non sono state trasferite funzioni di coordinamento e di controllo”.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE