Muscarà: “Traffico di rifiuti in Tunisia, Regione Campania ammette omissioni sui controlli”

SULLO STESSO ARGOMENTO

La consigliera regionale M5S: “Mea culpa nella risposta alla mia interrogazione. E ora quei veleni torneranno in Campania”

“Avevamo ragione a sospettare che dietro il traffico di rifiuti non riciclabili in Tunisia, all’origine di un’inchiesta che ha portato nei mesi scorsi all’arresto del locale ministro dell’ambiente, ci fossero evidenti negligenze della Regione Campania. 282 container di balle di rifiuti italiani spediti a Sousse non possono non essere oggetto di controlli da parte delle autorità regionali, alla luce di norme europee che impongono agli Stati membri la verifica su ogni carico di rifiuti da spedire, sanzionando eventuali violazioni. Dalla risposta della giunta regionale alla mia interrogazione, c’è una palese ammissione di colpa.

Innanzitutto perché si ammette, una volta per tutte, che non esiste alcun sistema né apparato deputato al controllo su impianti di questo genere né sul quantitativo effettivo inviato fuori regione, al punto che gli stessi uffici regionali precisano, letteralmente, che “risultavano completate solo settanta movimentazioni” sulle quasi trecento effettuate. Quanto alla effettiva natura dei rifiuti spediti, per la gran parte di tipo ospedaliero, viene scaricata la responsabilità sulla Provincia e sull’autorità doganale, omettendo che in questo tipo di analisi andrebbe coinvolta l’Arpac, la principale società regionale in tema di controlli ambientali”. Lo denuncia la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà.

“A evidenziare la totale assenza di un apparato di controllo – aggiunge Muscarà – è la decisione della Regione di bloccare al momento ogni viaggio di rifiuti pericolosi oltre frontiera. Senza dimenticare la beffa, ovvero che i rifiuti finiti in Tunisia dovranno essere rimpatriati e non c’è ancora alcuna pianificazione relativa a specifiche modalità di smaltimento. Nuove balle di rifiuti speciali e pericolosi in una regione già satura di balle e di veleni”.


Torna alla Home


Venerdì 19 aprile dalle 10:30 alle 13:30 presso la prestigiosa “Sala dei Quadri” del Castello ducale di Sessa Aurunca. In occasione del festival Visioni che si terrà dal 4 al 7 luglio, il Comune di Sessa Aurunca in collaborazione con la casa editrice Homo Scrivens organizza il Laboratorio sul fumetto...
Palazzo Doria D’Angri è una residenza del diciottesimo secolo situata a Napoli in Piazza Sette Settembre, lungo via Toledo. Il suo stile architettonico si intreccia con il tardo barocco e il neoclassico, presentando delle linee pulite ed entrate a volta, sormontate da colonne doriche. Oggi il palazzo è la sede...
Il Teatro dei Piccoli di Napoli si prepara per il gran finale della sua nona stagione artistica invernale dedicata ai bambini e ragazzi nel weekend del 20 e 21 aprile 2024. Due giornate ricche di musica e teatro che promettono di incantare il pubblico di ogni età. ### Concerto Interattivo...
Il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha annunciato un significativo pacchetto di finanziamenti destinato alla conservazione del patrimonio culturale italiano. Un totale di quasi 236 milioni di euro sarà distribuito nel triennio 2024-2026, con interventi previsti in tutti i settori culturali e in tutte le regioni. Questi fondi sosterranno una...

IN PRIMO PIANO