Caserta, morto dopo l’esplosione a Capodanno: arrestato il fratello

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta, morto dopo l’esplosione a Capodanno: arrestato il fratello

Nella notte fra il 31 dicembre ed il primo gennaio una grossa deflagrazione nei pressi del ‘Parco Primavera’ di Caserta costò la vita ad un 24enne, deceduto l’8 gennaio per le gravi lesioni subite. Dopo 3 mesi, i carabinieri hanno arrestato il fratello 20enne per detenzione illegale di materiale esplosivo, omicidio colposo, lesioni personali e danneggiamento.

Le indagini hanno ricostruito il momento: i due, assieme ad un terzo fratello avrebbero reperito parecchi botti a Napoli (fra i 5 e i 10 chili) prima delle festività natalizie. Avrebbero accantonato il tutto in un piazzale la notte di San Silvestro, iniziando a sparare le batterie. Le continue scintille avrebbero poi provocato l’improvvisa esplosione di tutto il materiale che ha ferito tutti e tre i fratelli, mortalmente il 24enne. La deflagrazione ha danneggiato 7 auto parcheggiate e distrutto le vetrate di un palazzo.







LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE