Casalesi infiltrati nelle imprese edili in Emilia Romagna e Toscana: 34 arresti e sequestro beni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casalesi infiltrati nelle imprese edili in Emilia Romagna e Toscana: 34 arresti e sequestro beni.

I militari del Comando Provinciale di Firenze e dello Scico della Guardia di Finanza, nell’ambito di un’operazione, denominata ‘Minerva’, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, stanno dando esecuzione a un provvedimento del Gip del Tribunale di Firenze che ha disposto 34 misure cautelari nei confronti di altrettante persone accusate di essere legate al clan camorristico campano dei ”Casalesi”. Gli indagati, negli anni scorsi, avrebbero operato sul territorio Toscano, sia mediante società operanti prevalentemente in campo edilizio sia attraverso investimenti nel settore immobiliare.

Le attività sono in corso nelle province di Firenze, Lucca, Pistoia, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Bologna, Roma, Isernia e Caserta, con la collaborazione dei Reparti del Corpo competenti per territorio e del Roan di Napoli. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà, alla presenza del Procuratore della Repubblica di Firenze, Giuseppe Creazzo, nonché dei vertici del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze e dello Scicom alle 11 di oggi presso il Comando Regionale Toscana della Guardia di Finanza.



Torna alla Home

Mare di Coroglio e Nisida inquinato: sversamento dal collettore fognario, il Parco della Gaiola denuncia

Un'ennesima macchia marrone e maleodorante galleggia nel mare tra Coroglio e Nisida, a causa di uno sversamento dal collettore fognario locale. L'eccesso di acqua da un acquazzone ha causato il sovraccarico del troppopieno della vasca di trattamento, riversando i liquami in mare senza depurazione. Si tratta di un problema ricorrente, già...

Salerno, fanno esplodere il bancomat e lasciano chiodi a tre punte in strada: ma il colpo fallisce

Un tentativo di furto andato male questa mattina all'alba alla filiale Unicredit di via Wagner 60. I malviventi hanno fatto esplodere il bancomat e seminato chiodi a tre punte per ostacolare l'intervento delle forze dell'ordine, ma sono stati messi in fuga dall'arrivo della polizia e hanno abbandonato il bottino. Erano...

CRONACA NAPOLI