🔴 ULTIME NOTIZIE :

Bloccata nel traffico ad Avellino con le doglie, donna scortata in ospedale dai carabinieri

Avventura a lieto fine per una donna della provincia di Salerno che oggi pomeriggio è rimasta imbottigliata nel traffico ad Avellino in auto con il marito mentre era diretta in ospedale per partorire. Scortata dai carabinieri fino all'ospedale Moscati Le contrazioni sono cominciate in anticipo sui tempi previsti e il timore...
google news

Sono 188 i medici italiani morti a causa del Covid

Sono 188 i medici italiani morti a causa del Covid. . Le ultime due vittime sono […]

    Sono 188 i medici italiani morti a causa del Covid. . Le ultime due vittime sono due medici di famiglia: Domenico Pacilio, di Napoli e Giorgio Drago, storico medico, per 40 anni, del quartiere Cristo di Alessandria: dopo la pensione, stava continuando la sua attivita’ come libero professionista.

    Proprio durante una visita domiciliare a uno dei suoi pazienti avrebbe contratto il virus. “Esprimo la piena solidarieta’, mia e della Fnomceo, a tutti i medici italiani costretti, in questo momento difficile, insieme agli altri professionisti della salute, a reggere sulle loro spalle il Servizio sanitario nazionale, scontando carenze e inefficienze, organizzative e di sistema, dovute alle politiche degli anni passati, che consideravano la sanita’ come terreno di risparmio e non come risorsa su cui investire”, dice Filippo Anelli, presidente della Fnomceo. “Siamo vicini ai medici degli ospedali, costretti a inventare soluzioni per continuare a erogare servizi, a costruire dighe per arginare questa seconda ondata dell’epidemia – continua Anelli – E’ di oggi il grido d’allarme del sindacato Cimo-Fesmed, che invoca il lockdown per raffreddare il contagio ed evitare ‘l’esplosione’ degli ospedali. Sempre di oggi la denuncia dei medici internisti, geriatri e infermieri di Medicina interna, che constatano come gli ospedali siano ormai vicini al collasso, per carenza di personale e mancanza di posti letto a fronte dell’abnorme afflusso di malati. Mentre Agenas avverte: in Italia, il 52% dei ricoveri nei reparti di area non critica degli ospedali riguarda pazienti Covid, il 37% nelle terapie intensive”. Per il presidente Anelli, i medici di famiglia sono “l’unico riferimento dei pazienti sul territorio, al quale si aggrappano, con fiducia, come a un familiare, h24 e sette giorni su sette, senza limiti di disponibilita’ e senza liste d’attesa”. Per il presidente della Fnomceo, “e’ il momento di un colpo di reni” ed e’ il “momento di collaborare con le altre professioni”. “E’ il momento di coordinarli con gli specialisti ambulatoriali – aggiunge – di metterli in rete con il 118 e i colleghi dell’ospedale. E’ il momento di dotarli di strutture e strumentazioni adeguate, di metterli in condizione di prescrivere le terapie piu’ appropriate e di fruire di tutte le possibilita’ offerte dalla telemedicina e dalle nuove tecnologie. Perche’ non e’ solo un modo di dire che l’unione fa la forza”.


    google news

    LEGGI ANCHE

    Napoli, un coccodrillo che nuota a Mergellina : ecco cosa è successo

    A Napoli è stato avvistato un coccodrillo al largo della Rotonda Diaz e ripreso  anche in alcuni video. Ecco di cosa si tratterebbe secondo...

    Napoli, 7 coltellate all’ex ras del Cavone, Salvatore Alfano

    E' stato attirato in una trappola e ora è ricoverato nel reparto rianimazione dell'ospedale pellegrini di Napoli. Salvatore Alfano, 42enne detto ras del Cavone legato...

    Rissa nel derby tra San Giuseppe e Napoli di Futsal, le immagini della vergogna

    Si è scatenata una violenta rissa nel derby di futsal tra San Giuseppe e Napoli valido per il campionato di serie A. “Abbiamo ricevuto alcuni...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita