Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Oscurati oltre 5mila siti pirata che trasmettevano live streaming

Pubblicato

il

siti pirata


Oscurati oltre 5.500 di siti pirata di live streaming e canali Telegram che trasmettevano illegalmente contenuti protetti in tutto il mondo.

Sequestri rivolti alla confisca per equivalente per oltre 10 milioni di euro nei confronti dell’organizzazione criminale. I pagamenti degli abbonamenti avvenivano anche tramite criptovalute.
15 degli indagati, pur lucrando ingenti somme dalla propria attività illecita, percepivano il reddito di cittadinanza.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Gli All Blacks prima omaggiano Maradona, poi demoliscono38-0 i Pumas

Pubblicato

il

all blacks maradona

 Anche gli All Blacks, la nazionale neozelandese di rugby ha voluto omaggiare Diego Armando Maradona.

In occasione della sfida del Tri Nations contro i Pumas, gli All Blacks, a margine della loro danza tradizionale, rituale che precede ogni incontro dei neozelandesi, hanno mostrato una maglia nera con la scritta Maradona. Dopo averla esposta Sam Cane si è unito ai cmpagni per la Haka. I Pumas hanno cercato di ripetere la straordinaria impresa fatta a Parramatta due settimane fa, quando per la prima volta batterono i neozelandesi 25 a 15, ma, questa volta le cose sono andate diversamente. Finisce 38 a 0 per la Nuova Zelanda, che si redime e chiude la sua “striscia” di due sconfitte, dando appuntamento ai suoi tifosi al 2021. Per decidere chi vincerà il Tri Nations 2020 bisognerà aspettare l’ultimo turno, quando Australia e Argentina si daranno battaglia per cercare una vittoria (con bonus) e tantissimi punti a favore, vista l’ampia differenza che al momento vede la Nuova Zelanda come grande favorita per il successo finale.

Continua a leggere

Avellino e Provincia

Lotta al Covid. Human Right Commission Premiati con Ascierto quattro medici irpini

Pubblicato

il

ascierto
Foto da Google

Cura e ricerca. Volpe, La Verde, D’Andrea e Caraglia medici e scienziati impegnati contro il covid

Si sono distinti nella lotta al coronavirus per i loro comportamenti, ricerche, cure e impegno. Ci sono quattro medici e ricercatori irpini tra i premiati dalla Commissione per i diritti umani. Con loro il professore Paolo Ascierto, del Pascale.

I dottori Silvestro Volpe, Stefano La Verde, Aldo D’Andrea e Michele Caraglia si sono distinti per l’impegno profuso in favore delle popolazioni e del territorio, ma anche impegno nella ricerca scientifica nel periodo della lotta al Covid 19, in questi lunghi mesi di pandemia. Per queste ragioni l’International Human Right Commission li ha premiati. Solo loro i Primari, medici di base, ricercatori e dottori rientrati in servizio dalla pensione per aiutare i malati, in storie quotidiane dalla frontiera della lotta al covid.

L’IHRC è una organizzazione internazionale intergovernativa impegnata in Europa e nel mondo a promuovere iniziative umanitarie, sociali e di cooperazione. Gli studi, le ricerche e le attività vengono sottoposte ai Governi nazionali e internazionali per garantire e difendere i Diritti Umani soprattutto delle persone più deboli e spesso indifese.

La Commissione Internazionale per i Diritti Umani ha quindi riconosciuta il valore e competenza di coloro che sono stati in prima linea in questa pandemia con un attestato di apprezzamento di valore internazionale.

Il primo riconoscimento è andato allo scienziato Prof. Paolo Ascierto, Direttore del Dipartimento di Oncoematologia dell’Istituto Tumori di Napoli, considerato tra i migliori al mondo nel settore della immunoterapia e oncologia medica nonché autore di importanti ricerche per la lotta al Covid 19.

A seguire il Dott. Silvestro Volpe irpino, Direttore Unità Operativa di Medicina Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino primo ad attivare la banca del plasma iperimmune per i malati Covid in Campania.

Terzo riconoscimento al Prof. Michele Caraglia Direttore del laboratorio Covid presso il centro Ricerche Biogem di Ariano Irpino che ha messo a punto un tampone rapido ad alta attendibilità.

Riconoscimento anche al medico Aldo D’Andrea già dirigente medico e chirurgo in pensione, che volontariamente ha voluto prestare servizio presso il reparto Covid di Avellino. Infine il dottore Stefano La Verde, medico di base di Avellino, in rappresentanza dell’impegno dei medici territoriali che pur avendo un elevata percentuale di pazienti affetti da Covid è riuscito a gestirli da casa con impegno, dedizione e professionalità somministrando cure appropriate e portandoli alla guarigione, evitando in tal modo di occupare inutilmente i reparti ospedalieri utili per pazienti più gravi.

Continua a leggere

Le Notizie più lette