Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Cronaca Campania

Iscrizioni per i neolaureati: Ordine di Napoli, FNOMCeO e governatore De Luca impegnati a superare l’impasse

Pubblicato

il

neolaureati,ordine di napoli


Deciso a fare l’impossibile per garantire l’immediata iscrizione dei neolaureati, l’Ordine dei Medici di Napoli ha formalmente interessato il ministero della Salute e la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici.

Proprio dalla Federazione è arrivata oggi pomeriggio la conferma dell’impossibilità di cambiare le normative fissate a garanzia del regolare svolgimento delle elezioni. Tuttavia, vista l’importanza di dare risposta agli aspiranti medici nell’ambito della drammatica crisi sanitaria, la collaborazione interistituzionale tra Ordini provinciali e Federazione nazionale ha portato ad un’apertura che di fatto può superare ogni ostacolo.

«Lavoriamo affinché i 79 medici che hanno chiesto di essere iscritti e che ad oggi non abbiamo potuto iscrivere per il blocco interelettorale previsto per norma – dicono il presidente Silvestro Scotti e il vice presidente Bruno Zuccarelli – abbiano la possibilità di iscriversi presso un Ordine limitrofo, come prospettato dalla FNOMCeO, svolgendo le pratiche amministrative online presso l’ordine napoletano che trasferirà la documentazione opportuna e favorirà la rapida iscrizione. Ovviamente la stessa possibilità sarà garantita a quanti vorranno fare richiesta di iscrizione in questo periodo. Non siamo al di sopra delle leggi e dei regolamenti, ma ci rendiamo conto di quanto questo passaggio sia sentito visto anche l’interessamento del governatore De Luca che ci ha oggi sostenuto con una missiva a tutti gli Ordini campani che portasse ad una soluzione in tal senso, a maggior ragione oggi che c’è bisogno di forze a sostegno della tenuta del sistema sanitario».

I medici che si iscriveranno presso l’Ordine limitrofo potranno in un secondo momento “far ritorno a casa”, ottenendo il passaggio all’Ordine dei Medici di Napoli.

Intanto, proprio per chiedere numi sulla possibilità di differire l’ormai prossima tornata elettorale, l’Ordine di Napoli ha scritto per la terza volta al ministero della Salute e alla FNOMCeO. «Fermo restando che come nostro dovere e intento abbiamo predisposto ogni attenzione alla massima sicurezza e abbiamo richiesto come dovuto agli organi territorialmente competenti se le nostre procedure fossero conformi alle norme vigenti – aggiungono Scotti e Zuccarelli – per consentire lo svolgimento delle elezioni in modo sicuro. Tuttavia, la possibilità di nuove restrizioni, che si stanno delineando in queste ore e che potrebbero avere evoluzioni addirittura settimana per settimana, ci spinge ancora una volta a chiedere a questo punto pubblicamente al ministero della Salute e al ministro Speranza come mai si sia prevista una linea d’azione per gli Ordini vigilati dal ministero della Giustizia, optando per tutt’altra strada per quelli vigilati dal dicastero della Salute, sulla base di quanto stabilito il 28 ottobre u.s al comma 3 dell’art. 31 del DL 28/10/2020 n.137 che da podestà al Consiglio nazionale degli Ordini di differire di 90 giorni lo svolgimento delle elezioni». Scotti e Zuccarelli rispondono poi alle polemiche sollevate da chi ha voluto speculare sull’attuale situazione di crisi. «Se è servito un decreto per gli Ordini vigilati dal Ministero della Giustizia – dicono – come avrebbe mai potuto il singolo Ordine di Napoli operare sua sponte una scelta dello stesso tenore. A questi colleghi rispondiamo che l’etica dovrebbe essere la luce di riferimento per chi vuole candidarsi a governare un Ordine professionale. Etica significa essere capaci di distinguere bene e male, virtù e vizio e sopratutto, in questo caso, giustizia e illegalità»

Continua a leggere
Pubblicità

Acerra

Maradona: la partitella nel fango ad Acerra con gol di mano

Pubblicato

il

maradona acerra

La mano di Dios si stava riscaldando. Prima ancora di beffare l’Inghilterra, Diego Armando Maradona provo’ a segnare “di mano” ma la rete gli fu annullata.

Era il 1985 e l’argentino accetto’ di giocare una partita di beneficenza ad Acerra nel Napoletano, per raccogliere fondi per un bambino malato. Ferlaino non gli diede l’ok per timore s’infortunasse, Diego, la gioco’ lo stesso, pago’ di tasca proprio a 12 milioni dell’assicurazione e si cambio’ in macchina, nel piazzale antistante un campetto di periferia, circondato dai tifosi. Diede spettacolo, come sempre. Pioveva il campo era un pantano e lui provo’ a segnare di mano. ”Gli annullai un gol fatto con la ‘manita de Dios’ , ma lui riconobbe l’errore e a fine partita si congratulo’ con me”.

Pasquale Castaldo, ex arbitro Figc, ed ex vigile urbano ad Acerra, ricorda benissimo la partita di beneficenza che vide in campo Diego Armando Maradona ed altri giocatori del Napoli, tra cui Pietro Puzone, che era tra gli organizzatori del match, per consentire ad un piccolo compaesano di effettuare un delicato intervento agli occhi. ”Maradona fece gol – ricorda Castaldo, oggi 64enne – e io ero in buona posizione, lo vidi che tiro’ dentro la palla con la sua ‘manina’. Fischiai, e pensarono tutti al fuorigioco, ma io gli feci segno con la mano, e lui mi diede ragione”. “A fine partita – racconta ancora l’ ex arbitro – Diego si congratulo’ con me. Fu una partita che non dimentichero’ mai. Ho raccontato questa storia ai miei figli prima ed ai miei nipoti poi, che portero’ sempre nel cuore. Sono tifoso del Napoli da sempre e per me e’ stato un sogno poter dirigere una partita con Maradona in campo”.

Continua a leggere

Capri

Maradona, la Piazzetta di Capri illuminata di azzurro in suo onore

Pubblicato

il

capri

Anche Capri rende omaggio alla memoria di Diego Armando Maradona. La famosa Piazzetta, nota in tutto il mondo, è stata illuminata di azzurro in onore del campione che, per sette anni, vestì la maglia del Napoli calcio.

Anche lo storico Campanile che si affaccia sulla stessa Piazzetta è stato colorato da un fascio di luce azzurra. L’iniziativa è stata voluta dal sindaco di Capri, Marino Lembo, e dall’assessore alle Politiche giovanili Salvatore Ciuccio e organizzata con i tifosi azzurri e il club dell’isola per ricordare il Pibe de oro e il suo legame con l’isola dei Faraglioni.

In Piazzetta il presidente del Napoli Club Isola di Capri, Costanzo Ruocco, i componenti del direttivo, i rappresentanti delle associazioni e del mondo sportivo isolano, ma anche amministratori ed esponenti delle istituzioni locali.

Continua a leggere

Le Notizie più lette