Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Facciamo un ‘Pacco alla Camorra’: compra prodotti campani coltivati nei terreni confiscati alle mafie

Pubblicità'

Pubblicato

il

Pacco alla camorra


Pubblicità'

Pasta di Gragnano, torrone, olio. Sotto l’albero di Natale quest’anno sarà possibile trovare un pacco speciale con prodotti tipici della nostra terra.

 

Prodotti che oltre a essere un’eccellenza campana sono anche speciali, perché coltivati e trasformati nei terreni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali grazie al lavoro delle persone più deboli e fragili.

L’iniziativa si chiama ‘Facciamo un pacco alla camorra’ ed è stata presentata dalla Polizia di Stato. Consiste nel poter acquistare sul sito della ‘Nuova Cooperazione Organizzata’ (un nome non casuale) 4 diversi pacchi:

“Una confezione “Insieme al Commissario Mascherpa” che contiene pasta BIO di Gragnano trafilata al bronzo; una bottiglia di olio EVO, prodotto dalla cooperativa “Osiride” con le olive coltivate nel bene confiscato a Teano; un sugo pronto alle olive e capperi, prodotto dalla cooperativa “Un Fiore per la vita ad Aversa” e trasformato presso la cooperativa “Al di là dei Sogni” sul bene confiscato a Maiano di Sessa Aurunca; un torrone prodotto dalla società “Strega Alberti” a Benevento con le noccioline coltivate dalla cooperativa “La Strada” sul bene confiscato a Teano e Banditi, il terzo volume delle avventure de “Il commissario Mascherpa” pubblicato da Poliziamoderna, la rivista ufficiale della Polizia di Stato. Parte del ricavato della vendita andrà al Piano Marco Valerio che sostiene le cure per le malattie pediatriche gravi dei figli dei poliziotti”.

Come spiegato dalla Polizia di Stato, “Facciamo un pacco alla camorra” è un progetto nato dodici anni fa dal consorzio Nuova cooperazione organizzata (N.C.O. ) che in provincia di Caserta coltiva le cosiddette Terre di don Peppe Diana e si estende a una rete di associazioni di cui fanno parte il Comitato don Peppe Diana, Libera nomi e numeri contro le mafie e Cittadinanzattiva; quest’anno si è aggiunta anche la Polizia di Stato che ha voluto prestare come testimonial il Commissario Mascherpa, l’amato investigatore della nostra serie a fumetti. Il Commissario infatti campeggia sulle confezioni ed è un disegno originale di Daniele Bigliardo, per 20 anni disegnatore di Dylan Dog.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Ponticelli, Giannuzzi (M5S): “Finalmente schiarita su caso Bipiani, ora case dignitose agli abitanti”

Pubblicato

il

giannuzzi
foto di repertorio

Ponticelli, Giannuzzi (M5S): “Finalmente schiarita su caso Bipiani, ora case dignitose agli abitanti”

“Dopo due anni di lavoro del MoVimento 5 Stelle in tutte le sede istituzionali, apprendo con grande soddisfazione che la vicenda del campo Bipiani di Ponticelli si avvia a soluzione con un progetto, approvato in giunta a Napoli, che prevede la demolizione dei container di amianto e la bonifica dell’area interessata. Dedicheremo ora tutta la nostra attenzione ad assicurarci che chi ha abitato ed abita tuttora in questi fabbricati, coibentati con lastre di amianto in deterioramento, possa ricevere adeguata sistemazione in abitazioni finalmente sicure e dignitose” è il commento della senatrice Silvana Giannuzzi vicepresidente al Senato della commissione politiche dell’Unione Europea.

Nel maggio 2019 la Giannuzzi aveva presentato una interrogazione per chiedere ai Ministeri della Salute, Ambiente e Interni: “se fossero a conoscenza della situazione e quali iniziative, per quanto di propria rispettiva competenza” intendessero “porre in essere per sopperire alle evidenti carenze del Comune di Napoli, al fine di tutelare la salute pubblica e la dignità degli abitanti dei “bipiani” di Ponticelli”. La senatrice aveva organizzato diversi sopralluoghi del sito Bipiani per sollecitare una risposta delle istituzioni locali. Nell’ultimo sopralluogo, avvenuto l’8 febbraio, Giannuzzi era arrivata a coinvolgere il vice-ministro Sileri per mostrare da vicino al Governo le ragioni della sua interrogazione. Testimoni partecipi delle disumane condizioni di vita degli abitanti dei Bipiani esposti da 40 anni all’amianto in deterioramento erano stati in quella occasione, oltre alla stessa Giannuzzi e Sileri, il senatore Presutto, la consigliera regionale Ciarambino, la consigliera comunale Matano e la consigliera municipale Formisani.

È notizia di queste ore che il Comune di Napoli ha inoltrato al Ministero della Salute, dopo le sollecitazioni di quest’ultimo a trovare una soluzione, un progetto di demolizione e bonifica dei container dei cosiddetti Bipiani. Un progetto esecutivo che prevede finalmente interventi di bonifica, smantellamento e demolizione dei fabbricati installati nel lontano 1980, come soluzione d’emergenza a seguito del terremoto, in via Isidoro Fuertes in zona Ponticelli a Napoli, e poi trasformatisi in stabile macchina di degrado e pericolosità sanitaria per i suoi abitanti.

“Sono felice che tutto il lavoro fatto stia dando i risultati sperati per la vita di queste persone in così grande sofferenza, e ringrazio di cuore – aggiunge la senatrice Giannuzzi – il viceministro della salute Sileri per il suo decisivo intervento. Voglio dedicare poi un pensiero di immensa gratitudine all’impegno costante di due donne magnifiche del Movimento, la consigliera comunale Marta Matano e la consigliera della VI municipalità, Tina Formisani, sentinelle instancabili del territorio, senza le quali nulla di tutto questo sarebbe stato possibile.”

Continua a leggere

Cronaca Napoli

Napoli, tenta di rapinare un negozio ai Quartieri Spagnoli:arrestato

Pubblicato

il

napoli rapina
foto da google

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Montecalvario, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via Speranzella per una lite all’interno di uno stabile.

Gli agenti hanno accertato che un ex condomino aveva aggredito verbalmente un altro residente del palazzo e, nell’allontanarsi, aveva distrutto alcuni arredi dell’edificio.
I poliziotti, durante le ricerche dell’uomo, giunti in via Concezione a Montecalvario sono stati avvicinati da un commerciante che aveva appena subito un tentativo di rapina da parte di un individuo armato di pistola e, grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza del negozio, hanno accertato che si trattava della stessa persona che stavano cercando.

L’uomo è stato poi intercettato e bloccato nei pressi della sua abitazione in vico Lungo San Matteo e trovato in possesso di una pistola airsoft; Gennaro Fioretti, 36enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per tentata rapina aggravata nonché denunciato per danneggiamento e violenza privata.

Continua a leggere

Le Notizie più lette