🔴 ULTIME NOTIZIE :

Facciamo un ‘Pacco alla Camorra’: compra prodotti campani coltivati nei terreni confiscati alle mafie

Pasta di Gragnano, torrone, olio. Sotto l’albero di Natale quest’anno sarà possibile trovare un pacco […]

un pacco alla camorra
Foto di repertorio

    Pasta di Gragnano, torrone, olio. Sotto l’albero di Natale quest’anno sarà possibile trovare un pacco speciale con prodotti tipici della nostra terra.

     

    Prodotti che oltre a essere un’eccellenza campana sono anche speciali, perché coltivati e trasformati nei terreni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali grazie al lavoro delle persone più deboli e fragili.

    L’iniziativa si chiama ‘Facciamo un pacco alla camorra’ ed è stata presentata dalla Polizia di Stato. Consiste nel poter acquistare sul sito della ‘Nuova Cooperazione Organizzata’ (un nome non casuale) 4 diversi pacchi:

    “Una confezione “Insieme al Commissario Mascherpa” che contiene pasta BIO di Gragnano trafilata al bronzo; una bottiglia di olio EVO, prodotto dalla cooperativa “Osiride” con le olive coltivate nel bene confiscato a Teano; un sugo pronto alle olive e capperi, prodotto dalla cooperativa “Un Fiore per la vita ad Aversa” e trasformato presso la cooperativa “Al di là dei Sogni” sul bene confiscato a Maiano di Sessa Aurunca; un torrone prodotto dalla società “Strega Alberti” a Benevento con le noccioline coltivate dalla cooperativa “La Strada” sul bene confiscato a Teano e Banditi, il terzo volume delle avventure de “Il commissario Mascherpa” pubblicato da Poliziamoderna, la rivista ufficiale della Polizia di Stato. Parte del ricavato della vendita andrà al Piano Marco Valerio che sostiene le cure per le malattie pediatriche gravi dei figli dei poliziotti”.

    Come spiegato dalla Polizia di Stato, “Facciamo un pacco alla camorra” è un progetto nato dodici anni fa dal consorzio Nuova cooperazione organizzata (N.C.O. ) che in provincia di Caserta coltiva le cosiddette Terre di don Peppe Diana e si estende a una rete di associazioni di cui fanno parte il Comitato don Peppe Diana, Libera nomi e numeri contro le mafie e Cittadinanzattiva; quest’anno si è aggiunta anche la Polizia di Stato che ha voluto prestare come testimonial il Commissario Mascherpa, l’amato investigatore della nostra serie a fumetti. Il Commissario infatti campeggia sulle confezioni ed è un disegno originale di Daniele Bigliardo, per 20 anni disegnatore di Dylan Dog.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Un posto al sole anticipazioni, 31 gennaio 2023: Nunzio ad un bivio…

    Nuovo appuntamento con Un posto al sole, la soap opera ambientata a Napoli in onda dal lunedì al venerdì sui canali Rai. L'episodio del...

    Gastronomia a Napoli: i piatti più apprezzati al mondo

    Napoli è una delle città più famose d'Italia, conosciuta in tutto il mondo per la sua storia, la sua cultura e la sua cucina....

    Napoli, Longobardi: ‘Serve piano viabilità in zona stadio Maradona’

    "Ho presentato un'interrogazione al sindaco di Napoli dove ho chiesto di predisporre rapidamente un nuovo piano di viabilità attorno allo stadio Maradona di Fuorigrotta...

    Le diaspore sono al lavoro: “Disegniamo il futuro dell’Italia nel mondo”

    Summit delle diaspore a Roma con cittadini, attivisti e associazioni con radici migratorie impegnate per la cooperazione allo sviluppo