Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Napoli e Provincia

Pompei, La Mura(M5S): “Più alberi e sto al loro taglio indiscriminato. Ci sono i fondi del decreto clima”

Pubblicato

in




“A , Comune appartenente alla Città Metropolitana di Napoli, sottoposto a procedura di infrazione per la qualità dell’aria, l’amministrazione comunale dovrà progettare un piano di piantumazione di nuovi alberi e dovrà farlo secondo criteri ben precisi presenti nel decreto ministeriale di riforestazione urbana. Si potranno piantare alberi, migliorare le infrastrutture verdi della città per promuovere la salute e il benessere dei cittadini”, così la senatrice Virginia all’indomani dell’approvazione del decreto attuativo che stanzia 30 milioni di euro per finanziare la riforestazione urbana.

“Gli alberi – continua – costituiscono un bene primario per la vivibilità delle città e la tutela ambientale: producono ossigeno, migliorano la qualità dell’aria, contrastano il riscaldamento climatico, migliorano i rapporti sociali e l’umore. A non esiste una corretta gestione del verde, gli alberi vengono abbattuti o potati fuori stagione, e non mi risulta esista un censimento e neppure un piano del verde. Già nel programma elettorale comunale del 2014 prevedevamo che entro il 2020 avremmo incrementato gli alberi a . Abbiamo visto lontano, ho fatto una promessa a me stessa prima ancora che ai cittadini. Oggi con il decreto attuativo di riforestazione urbana il Comune otterrà un finanziamento rispettando i parametri di piantumazione, cura, tutela e manutenzione delle aree verdi per almeno 7 anni. Deve cambiare il paradigma che vede nel cemento l’unico servizio utile alla popolazione, quando è esattamente il contrario!”, conclude la senatrice ana.

Pubblicità

Area Flegrea

Sanità, Rostan e Cappiello (Italia Viva): “Procida isolata dalla terraferma, ripristinare il servizio di idroambulanza”

Pubblicato

in

“I problemi nella gestione della salute pubblica per le aree disagiate ed in particolare per l’isola di Procida non trovano fine, soprattutto in un momento cosi critico dove ci troviamo ad affrontare anche l’emergenza Covid-19.

Già da alcune settimane sono di nuovo fuori servizio le idro ambulanze che di norma effettuano trasferimento dei malati dalle isole verso gli ospedali della terraferma, di competenza della Asl Napoli 2 Nord. Non resta che affidarsi per le emergenze sanitarie al servizio in elicottero 118, con tutte le difficoltà del caso in presenza di avverse condizioni meteo, che possono impedirne l’atterraggio. Chiediamo il ripristino immediato del servizio di idro ambulanze per garantire sicurezza e certezza nei trasferimenti dei pazienti per la terraferma, non ci possiamo permettere, in particolar modo in un periodo cosi complesso come questo che stiamo affrontando, di veder meno dei servizi essenziali per i cittadini dell’isola di Procida”. Questa la denuncia di Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, e Maurizio Cappiello della direzione nazionale Anaao – Assomed.

“La motovedetta è certamente meno impegnativa e meno rischiosa nei trasferimenti di un ammalato in quanto dotata di stabilizzatori in grado di affrontare ogni tipo di mare – hanno proseguito gli esponenti di Italia Viva. In questi giorni la situazione si è ulteriormente aggravata anche a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid -19 e al momento non ci sono più le condizioni di sicurezza per garantire salute sull’isola. Una situazione di precarietà che non è nuova sull’isola e che provoca proteste e lamentele tra gli isolani, con la legittima paura di vedersi definitivamente privati di un servizio importante che, da circa 15 anni rappresenta una certezza per coloro che ne hanno bisogno”.

“La capitaneria – concludono Rostan e Cappiello – continua ad avere in gestione le motovedette acquistate dalla Regione e donate alle Asl ma legittimamente ha enormi difficoltà a continuare la navigazione con natanti vecchi, sfruttati e che possono provocare pericoli per il personale di bordo e per i pazienti. Servono interventi di manutenzione rapidi, ma tra rimpalli di responsabilità nessuno interviene e nonostante solleciti e richieste di intervento anche al Prefetto di Napoli, la situazione rimane invariata”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette