Napoli Centrale, abusivi nel mirino dei controlli della Polizia

SULLO STESSO ARGOMENTO

736 persone identificate, 1 arresto e 2 denunce. Centinaia di bagagli controllati, 2 depositi ispezionati. Circa 200 poliziotti impiegati nell’arco della giornata di cui 2 unità cinofile, una specializzata in ordine pubblico e prevenzione generale e un’ artificiere.

 

Sono questi i risultati dell’operazione “Alto Impatto” che si è svolta nelle principali stazioni ferroviarie italiane, allo scopo di incrementare i livelli di sicurezza in ambito ferroviario mediante la predisposizione di specifici servizi di prevenzione, finalizzati al contrasto delle attività illecite, dell’immigrazione clandestina e di possibili azioni terroristiche o eversive.

Nella stazione di Napoli Centrale e nelle zone adiacenti l’attenzione è stata rivolta in particolare al fenomeno dell’abusivismo commerciale.



    Gli agenti del Polizia Ferroviaria di Napoli, con mirati servizi di appostamento e visionando le immagini del sistema di videosorveglianza, hanno accertato che alcuni soggetti, nelle ore serali e notturne, si erano cimentati nella redditizia “professione” di tassista abusivo, qualcuno spingendosi ad offrire il servizio addirittura all’interno della stazione ferroviaria, aspettando i “clienti” in prossimità dei binari. Per 3 tassisti sono scattate pesanti sanzioni: ritiro della patente per la successiva sospensione da 4 a 12 mesi, ritiro del libretto di circolazione e sequestro del veicolo ai fini della confisca, € 1816,00 di sanzione amministrativa.

     

    Nel corso delle citate attività sono stati, inoltre, controllati e sanzionati anche i venditori ambulanti soliti esercitare il commercio abusivo nelle stazioni ferroviarie e a bordo treno. Per 4 di loro è scattato il sequestro della merce detenuta da parte della Polizia Ferroviaria mentre ne sono stati sanzionati una decina da personale della Protezione Aziendale di FS Italiane perché privi del titolo di viaggio.







    LEGGI ANCHE

    Napoli, giovane accoltellato: si cerca il papà di un coetaneo

    Napoli. Si cerca il 50enne che oggi pomeriggio ha accoltellato un 22enne nei pressi della stazione di Montedonzelli della Linea 1 della Metropolitana. Si pensa che l'uomo sia il padre di un altro giovane. L'accoltellamento sarebbe infatti stato preceduto da una lite tra coetanei. L'accoltellamento è avvenuto in via Torrione San Martino. La vittima, un ventiduenne, è risultata avere precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti. Il ferito ai carabinieri ha riferito di non conoscere l'uomo che...

    Napoli, il comune attiva il servizio di unità mobile in strada per i senza fissa dimora

    Nel quadro delle iniziative messe in campo dal tavolo istituito dal Prefetto di Napoli, Michele di Bari, per affrontare la questione sociale dei senza fissa dimora, è stata attivata dal Comune di Napoli l'Unità Mobile di Strada. Questo servizio mira a fornire supporto immediato ai senza tetto che necessitano di assistenza sociale sul territorio. L'Unità Mobile di Strada è coordinata dalla Centrale Operativa Sociale in collaborazione con la Centrale Operativa 118 Napoli Centro e dispone di...

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE