Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Campania

Coronavirus: record contagi nel Casertano, 44 in un giorno

Pubblicato

in



Coronavirus: record contagi nel Casertano, 44 in un giorno. Aversa e’ la citta’ con il maggior numero di casi.

 

E’ record di positivi al Coronavirus in un solo giorno nel Casertano: 44 in piu’ rispetto a ieri, con i positivi attuali, ovvero coloro tuttora contagiati che hanno contratto il virus nelle ultime settimane, saliti a 544; complessivamente sono 1178 i contagiati da inizio pandemia, compresi i deceduti (48) e i guariti, che restano 586, visto che non si e’ registrata alcuna guarigione nelle ultime 24 ore.

E’ sempre Aversa la citta’ con il maggior numero di persone attualmente positive, 78 (cinque piu’ di ieri), tanto che il sindaco Alfonso Golia ha emesso un’ordinanza in cui ripristina fino al prossimo 7 ottobre l’obbligo di usare la mascherina anche all’aperto, in particolare fuori a locali aperti al pubblico e in piazze e slarghi, laddove cioe’ e’ possibile il formarsi di assembramenti.

A Caserta sono 65 i contagiati (ieri erano 63) ma e’ proprio nei comuni attorno Aversa, in parte risparmiati durante la prima fase della pandemia, che il contagio sembra dilagare: 21 a Casal di Principe, dove e’ risultato positivo il sindaco Renato Natale, attualmente ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano, 30 a San Cipriano d’Aversa, 19 a Lusciano, 17 a Teverola, 14 a Casapesenna, 15 a Frignano, 11 a Casaluce, 9 ad Orta di Atella e Trentola Ducenta. A Sant’Arpino (3 casi), il sindaco Giuseppe Dell’Aversana ha reso noto la positivita’ di un dipendente della locale struttura medica dell’Asl, che e’ stata chiusa. “Il dipendente contagiato – ha spiegato il sindaco – e’ originario di un altro comune e non risiede a Sant’Arpino”.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Paura a Sarno: evacuate già 35 famiglie

Pubblicato

in

Paura a Sarno: evacuate già 35 famiglie.  Fatte uscite le famiglie da via Nunziante. le case vuote vengono sorvegliate dalle Guardie ambientali.

“Abbiamo fatto fronte all’emergenza evacuando le persone e le famiglie, disostruendo e pulendo, momentaneamente, da rocce e sassi le zone interessate dagli smottamenti. Abbiamo quasi concluso, dunque, le prime opere necessarie e indispensabili per assicurare l’incolumita’ delle persone e la viabilita’”. Lo dice  il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, dopo gli smottamenti e gli allagamenti avvenuti nel comune dell’agro nocerino sarnese, nel Salernitano. “Domani – aggiunge – faremo i sopralluoghi con il Genio civile, con la Regione Campania per avere un’idea precisa dei danni e di tutto cio’ che bisogna fare. Bisogna innanzitutto andare a ripulire tutto quello che, in questo momento, e’ pieno, tutte le vasche che si sono riempite nella zona di Bracigliano, la’ dove c’e’ il vallone Santa Lucia”.

Il primo cittadino, intanto, conferma che non si registrano feriti, ma e’ stato necessario che circa 35 famiglie lasciassero le proprie abitazioni. Di queste, “la maggior parte ha trovato alloggio da parenti e amici e una piccola parte di famiglie di extracomunitari che, non avendo dove andare, troveranno ospitalita’ nella scuola media Baccelli”, spiega Canfora. Sul posto, ora, stanno lavorando le forze dell’ordine, la Protezione civile, i vigili del fuoco, le ambulanze, la Croce rossa. Molti abitanti di Sarno sono piombati, nel pomeriggio di oggi, nel panico, ricordando il 5 maggio del ’98, quando durante un’alluvione, persero la vita, solo in questo paese, 137 persone. “Con il pensiero, si torna a quei tragici giorni”, ammette il sindaco rivelando che “il mio vicesindaco, Roberto Robustelli, e’ proprio il giovane superstite del 5 maggio ’98. Sulla sua pelle, sente sempre con grande ansia tutte queste situazioni e che le vive sempre come vissute in prima persona”.

Continua a leggere



Caserta e Provincia

Caserta e provincia devastate dal maltempo, scuole chiuse in molti comuni

Pubblicato

in

Caserta e provincia devastate dal maltempo, scuole chiuse in molti comuni.Marino chiude le scuole comunali dopo il maltempo. Stesso provvedimento anche a Casal di Principe.

 

Il sindaco di Caserta Carlo Marino decide di chiudere le scuole di competenza comunale (asili nido, elementari e scuole medie) per permettere le verifiche dello stato “dei luoghi interni ed esterni degli stessi edifici, al fine di assicurare la permanenza delle condizioni di sicurezza per l’esercizio dell’attività scolastica” dopo il maltempo che si è abbattuto oggi sul Capoluogo. La decisione è stata adottata con l’ordinanza numero 55 firmata poco dopo le ore 19. Il provvedimento non riguarda gli istituti superiori che sono di responsabilità della Provincia. “La bomba d’acqua che si è abbattuta oggi pomeriggio sulla città e le previsioni per la notte non ci lasciano tranquilli – ha affermato Marino – Prima di far rientrare bimbi e ragazzi in classe dobbiamo essere certi che le scuole siano perfettamente in ordine. La sicurezza dei nostri figli viene prima di tutto”.

L’amministrazione comunale di Casal di Principe corre ai ripari dopo i danni che il maltempo ha provocato nella giornata di oggi. Il vice sindaco Antonio Schiavone, che sta ancora sostituendo Renato Natale (colpito dal Covid-19) ha firmato l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, oltre che del cimitero comunale e di tutti i parchi per la giornata di lunedì 28 settembre. La decisione è stata adottata in quanto la tromba d’aria “devastante” ha provocato un abbattimento di un numero elevato di alberi e pali della pubblica illuminazione, nonché danni a diverse abitazioni. Il vice sindaco invita “i cittadini ad effettuare spostamenti solo in casi di emergenza e necessità”.

Nel rammentare che è tuttora in vigore l’Allerta Meteo Arancione della Protezione Civile della Campania, si invita la cittadinanza al ridurre al minimo gli spostamenti. Si raccomanda massima prudenza alla guida, soprattutto nel corso della nottata e nelle aree a maggior rischio idrogeologico, con particolare riferimento alle frazioni collinari e pedecollinari. Si invita inoltre la popolazione ad evitare le zone alberate a causa delle forti raffiche di vento previste nel corso dei temporali.

Tromba d’aria nell’agro aversano: danni ingenti a Casal di Principe.Una tromba d’aria ha colpito i comuni di Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa nel pomeriggio del 27 settembre.

Attimi di paura nella zona dell’agro aversano, dove una probabile tromba d’aria (o un downburst, si attendono conferme) ha colpito i comuni di Casal di Principe e San Cipriano d’Aversa nel pomeriggio del 27 settembre, provocando ingenti danni tra cui alberi caduti e insegne pubblicitarie divelte ma fortunatamente senza causare feriti.

 

 

Continua a leggere



Le Notizie più lette