Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Campania

Conservieri pronti a scioperare: scontro sul rinnovo del contratto tra lavoratori e aziende del settore

Pubblicato

in



Pronti allo di quattro ore dal 9 ottobre. I sindacati del settore conserviero, dopo la riunione di ieri, organizzeranno l’astensione con modalità diverse da fabbrica a fabbrica e presidi in tutte le conserviere campane in vista dello sciopero generale del settore agroalimentare per chiedere alla maggiore delle associazioni degli industriali del settore, l’Anicav, di rispettare l’intesa sottoscritta a luglio e firmare il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro del settore.

I segretari generali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Campania hanno adottato la decisione alla presenza del segretario nazionale Flai-Cgil, Angelo Paolella .

Le parti sociali stigmatizzano l’atteggiamento di Anicav, che solo in Campania rappresenta 13mila lavoratori nel settore conserviero, e chiedono «di sottoscrivere il contratto che darà maggiori diritti alle lavoratrici e ai lavoratori del settore facendo scattare, da gennaio 2021, l’aumento contrattuale». Paolella ha sottolineato che «il settore conserviero resta uno dei pochi nell’agroalimentare a non aver ancora sottoscritto il contratto, nonostante sia stato tra i pochi a non fermare le proprie attività durante il lockdown ».

Immediata la replica di Giovanni De Angelis , direttore generale dell’Anicav: «Ci è difficile immaginare “azioni di lotta” considerato che Anicav, con l’accordo ponte sottoscritto con Flai-Fai e Uila lo scorso 13 maggio ha riconosciuto tutte le maggiorazioni salariali alle proprie lavoratrici e lavoratori, compresi gli stagionali, oltre a garantire gli impegni sul welfare. Auspichiamo una ripresa del negoziato per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro Industria Alimentare, non comprendendo la pretesa di parte sindacale di voler estendere l’intesa del 31 luglio, raggiunta con tre associazioni delle 14 dell’alimentare, all’intero settore». Il rinnovo è stato sottoscritto finora da Unionfood, Assobirra e Ancit (che rappresentano aziende dolciarie, della pasta, birra e tonno) che “valgono” il 30% del fatturato dell’industria alimentare italiana. «È scorretto attribuire la valenza del rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare all’intesa sottoscritta il 31 luglio dai sindacati con ‘solo’ tre associazioni di industriali », ha affermato Silvio Ferrari, vicepresidente di Federalimentare- Confindustria in una lettera ai sindacati, che allo stesso tempo, sono stati invitati «a negoziare con le altre categorie una diversa soluzione».

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Tenta di scaraventare la moglie giù dalla finestra: arrestato

Pubblicato

in

Tenta di scaraventare la moglie giù dalla finestra

Tenta di scaraventare la moglie giù dalla finestra: arrestato. Bloccato dai carabinieri nel Casertano.

 

Un uomo di 48 anni anni, residente a Mondragone  e’ finito in carcere con l’accusa di aver costantemente maltrattato la moglie, costringendola a subire percosse, umiliazioni e a vivere nel terrore continuo. Le indagini sono state realizzate dai carabinieri su delega della Procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha chiesto e ottenuto il provvedimento di carcerazione dal giudice per le indagine preliminari.

Dagli accertamenti e’ emerso che l’uomo pretendeva sempre soldi dalla moglie per acquistare la droga; in una circostanza, al rifiuto della donna, le tiro’ contro una sedia in ferro, provocandole lesioni all’addome, mentre in un’altra occasione tento’ di scaraventarla gia’ dalla finestra di casa. Il 48enne avrebbe preteso anche relazioni sessuali dalla vittima, che non voleva.

Continua a leggere



Campania

Napoli, emessi 11 daspo per sicurezza nelle manifestazioni sportive

Pubblicato

in

Napoli, emessi 11 daspo per sicurezza nelle manifestazioni sportive

Due provvedimenti di divieto di accesso a manifestazioni sportive per 5 anni, due per periodi da 2 a 3 anni e 7 per un anno: è quando emesso oggi dal questore di Napoli. I primi vanno a limitare la libertà di due persone già destinatarie di Daspo, che pronunciarono frasi razziste allo stadio Menti di Castellammare di Stabia contro un calciatore della Cavese nel 2019, e che ora avranno anche l’obbligo di firma.I secondi due provvedimenti sono stati emessi per due persone condannate per reati in materia di stupefacenti e concorso esterno in associazione mafiosa con frode in competizioni sportive (con l’aggravante dell’agevolazione di associazione camorristica).Gli ultimi sette provvedimenti vanno invece a colpire altrettante persone che erano state trovate allo stadio Vallefuoco di Mugnano di Napoli con oggetti atti a offendere nascosti nelle proprie auto.

 

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette