Cronaca Napoli

Progetto Piter Sanità con la notte bianca: bambini e adolescenti del rione saranno protagonisti di se stessi

Nell’ambito delle attività estive del Progetto P.I.T.E.R., rivolto ai bambini e agli adolescenti del Rione , mercoledì 5 agosto, in via Ponti Rossi 113, presso la struttura “Amici del Bosco”, dalle ore 19 e fino alle ore 24, si svolgerà un evento serale dal titolo la NOTTE BIANCA – Uno, nessuno, centomila “sé”.

Durante l’evento di mercoledì sera saranno presentate le attività di laboratorio che i bambini e ragazzi del Rione Sanità stanno portando avanti da inizio luglio. Sarà anche l’occasione per mostrare i prodotti realizzati con entusiasmo durante i vari laboratori. L’evento rientra nella rassegna di ‘Notti Bianche’ previste dal progetto stesso, opportunamente ridimensionato per garantire la distanza interpersonale di sicurezza.
Nell’ambito delle attività estive del Progetto P.I.T.E.R., i cui valori guida sono inclusione sociale, educazione alla legalità, partecipazione civica, contrasto alla dispersione scolastica, lunedì 27 luglio, presso “Amici del Bosco” si è svolta l’iniziativa FUORICLASSE – “Perchè un fuoriclasse non può essere fuori dalla classe”. Bambini e adolescenti hanno incontrato uno dei testimonial di “Una vita degna di essere vissuta” -la famosa calciatrice ed ex capitana del Napoli Calcio Femminile, Emanuela Schioppo- la quale ha raccontato la sua esperienza di vita, con l’obiettivo di generare un processo di positiva emulazione da parte dei
giovani destinatari, con la consapevolezza che lo studio e il rispetto delle regole prefigura un
futuro migliore per loro.

Il Progetto dei “Percorsi di Inclusione Territoriale ed Empowerment nel Rione Sanità” di Napoli, nasce da un’azione di co-progettazione messa in atto dalla Municipalità III^ del Comune di Napoli e dal Ministero dell’Interno. Fortemente voluto e incentivato dal territorio e dalla Prefettura di Napoli, il Progetto di natura prototipale gestito dalla Cooperativa “San Francesco” s.c.s. e dal Consorzio “Luna” s.c.s., si prefigge di avviare una modalità di intervento efficace e replicabile allo scopo di prevenire e/o riparare alla fuoriuscita dal sistema scolastico e formativo, incentivando percorsi civici di legalità sul territorio. Il progetto ha, inoltre, l’obiettivo di garantire l’inclusione sociale sostenendo le famiglie del popolare rione Sanità attraverso una rete stabile e coesa di stakeholder attivi sul territorio (istituzioni, scuole, parrocchie, centri educativi e sportivi, organizzazioni del terzo settore e altri soggetti privati del Rione Sanità).

Pubblicità'

Rifiuti interrati nel Cilento, Adinolfi (M5s): “subito una mappatura di tutto il territorio”

Notizia Precedente

Sanita’ privata, dal 3 agosto tre giorni di mobilitazione e presidi. Cgil e FP campania scrivono a de luca: “ci convochi per darci risposte”

Prossima Notizia