Marano, disagi alle poste. Andrea Caso vede i vertici dell’istituto

SULLO STESSO ARGOMENTO

“È impensabile che una città come Marano di Napoli, con oltre 60mila abitanti, possa disporre solamente di due uffici postali, allocati, uno in via Nuvoletta e l’altro in via San Rocco, che, tra l’altro, è aperto solo al mattino”.

Commenta il deputato del MoVimento 5 Stelle Andrea Caso delle Commissioni Finanze ed Antimafia, che ha incontrato Giuseppe Lasco, condirettore generale di Poste Italiane a cui ha rappresentato la situazione.

“Sui cittadini pesa l’insufficienza di un numero inadeguato di sportelli per soddisfare le esigenze locali – aggiunge Caso – per questo ho voluto confrontarmi con i vertici di Poste sulla necessità di aprire una nuova sede postale a Marano o di vagliare una soluzione per superare i disagi”.

“Nell’immediato – continua il deputato antimafia – abbiamo stabilito che si procederà ad installare alcuni punti postamat in quelle aree lontane dai due uffici postali esistenti, in più, ho ottenuto per la filiale di via San Rocco, l’apertura di un quarto sportello a fronte dei tre esistenti, pertanto, i cittadini potranno avere già a breve, quattro impiegati a servirli e non più solamente tre. Infine, spero si possa riuscire, nonostante il piano di razionalizzazione intrapreso da Poste negli anni passati sul territorio nazionale, a realizzare una terza filiale postale a Marano”.







LEGGI ANCHE

Regione Campania parte civile per la morte sul lavoro a Pratola Serra

Mentre a Pomigliano d'Arco si celebra la presentazione della nuova Pandina, con la speranza di un futuro più sicuro per lo stabilimento, non possiamo dimenticare la tragedia avvenuta una settimana fa a Pratola Serra, dove Domenico Fatigati ha perso la vita nello stabilimento Stellantis. La Regione Campania si costituirà parte civile nel processo per la morte di Fatigati, su iniziativa dell'assessore Marchiello e del consigliere regionale del Pd Massimiliano Manfredi, estensore della modifica alla legge...

Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

A più voci: al via, la V edizione della rassegna polifonica della Fondazione Pietà de’ Turchini

La quinta edizione di A più voci, rassegna polifonica curata dalla Fondazione Pietà de' Turchini, prende il via venerdì 1° e sabato 2 marzo all'interno della stagione Frequenze inaudite. L'obiettivo è valorizzare il repertorio polifonico, unendo realtà artistiche diverse in 3 concerti in 2 giorni. I protagonisti includono l'Ensemble Vocale di Napoli, il CorAle Femminile Aureliano e il Coro Musicanova, ognuno con un programma musicale unico. Gli eventi si terranno presso la Chiesa di...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE