HomeCalcio NapoliKoulibaly: A Napoli sto bene, col Barca ce la giochiamo

Koulibaly: A Napoli sto bene, col Barca ce la giochiamo

google news

Koulibaly: A Napoli sto bene, col Barca ce la giochiamo

Kalidou Koulibaly si racconta alla “Gazzetta dello Sport”, a partire dalle voci sul suo futuro che continuano a rincorrersi. “La mia famiglia sta molto bene a Napoli e questo mi rende felice – le parole del difensore senegalese – Sento dire che andro’ via, ma io qui sto bene, non capisco perche’ si debba parlare di mercato quando non c’e’ niente all’orizzonte. Ogni giorno ce n’e’ una nuova. Io mister 100 milioni? A me non piace questa etichetta. Il prezzo lo fanno i dirigenti. Io sono solo un giocatore che pensa a dare il cento per cento in campo e ad aiutare i compagni”. Koulibaly e’ anche consapevole che “nel calcio non si sa mai cosa succede. Non ho mai parlato con la societa’ per andare via. Se dobbiamo trovare una soluzione la troveremo, ma io non ho mai parlato di mercato. Leggo anch’io sui giornali del mio futuro. Ma io voglio pensare soltanto a giocare, sono al 100 per cento del Napoli e mi da’ fastidio essere accostato, ogni giorno, a questo o a quel club europeo”.- “Vedremo cosa decidera’ il presidente, se mi proporra’ il prolungamento del contratto, cosa che, dunque, mi permetterebbe di concludere qui la carriera – apre Koulibaly – Al momento, ho ancora tre anni di contratto: sono tanti, e non sto pensando a null’altro se non al Napoli”. Il centrale senegalese non ha vissuto finora la sua miglior stagione (“Ho pagato la partecipazione alla Coppa d’Africa, mi sono portato dietro la fatica, il fisico non mi seguiva, reagiva poco”) ma “ora conto di recuperare il tempo perduto. Il lavoro fatto all’interno dello spogliatoio e quello sul campo, quotidianamente, lo si vede dai risultati che stiamo ottenendo, Coppa Italia compresa”. In questo senso “l’arrivo di Gattuso ha portato una ventata di ottimismo, ha dato fiducia a tutti noi, e la seconda parte di campionato sta evidenziando un grande Napoli. Senza l’ammutinamento le cose sarebbero potute andare diversamente? Non dobbiamo pensare al passato, sono cose successe e non possiamo cambiarle. Abbiamo chiarito tutto, ed e’ inutile vivere di rimorsi, dobbiamo guardare al futuro e credere nel lavoro che stiamo facendo. Dobbiamo preparare bene la Champions”.

Fabio Testa
Fabio Testa
Fabio Testa, 28 anni, laureato in sociologia. Appassionato della cultura napoletana e dei fenomeni della tradizione popolare. Gli piace il cinema d'autore. E' grande tifoso del Napoli

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Arzano, comune sull’orlo del fallimento: si va verso il predissesto finanziario

Arzano. Comune sull'orlo del fallimento, si va verso il predissesto finanziario. A rendere pubblica la notizia l’assessore al Bilancio, Giuseppe Vitagliano. In vista dell’approvazione...

Napoli, imprenditore del Nord a Francesca: “Ti pago il viaggio, ma devi imparare a comportarti”

Napoli. "Devi imparare a venderti meglio, devi imparare a comportarti con gli imprenditori in modo completamente diverso". Le parole dell’imprenditore Gian Luca Brambilla che...

Pozzuoli, sotto controllo l’incendio del monte Barbaro

Pozzuoli. È sostanzialmente sotto controllo l'incendio che sta interessando la zona flegrea dal monte Barbaro al Carney Park. Lo comunica la protezione civile della...

M5S, Ciarambino: “Lascio partito padronale privo di democrazia interna”

Ciarambino: "La cosa che ho scelto di lasciare non assomiglia neanche al guscio vuoto del progetto per cui ho speso 12 anni della mia...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita