Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cava de Tirreni

Cava, esce di casa senza un ‘valido motivo’: aveva comprato la dose di cocaina. Denunciato 44enne

Pubblicato

in



Un 44enne di Cava de’ Tirreni e stato denunciato dalla Polizia di Stato per violazione delle norme imposte per limitare la diffusione del contagio da coronavirus. Il soggetto, infatti, era uscito di casa per andare a comprare una dose di cocaina. Il controllo è scattato mentre l’uomo, con precedenti di polizia, stava percorrendo una via del centro cittadino a bordo di un ciclomotore. Alla vista della pattuglia ha accelerato la marcia attirando l’attenzione dei Poliziotti che, prontamente, lo hanno bloccato. Con gli operatori del Commissariato di P.S. di Cava de’Tirreni ha cercato dl giustificarsi dicendo di essere uscito per effettuare un pagamento urgente , compilando anche il modulo di autocertificazione. Tuttavia, il personale operante, notando un certo nervosismo nel soggetto, dopo aver interrogato i terminali per gli accertamenti, hanno proceduto con la perquisizione personale, trovandolo in possesso di un involucro di cellophane contenente un quantitativo di cocaina.

L’uomo è stato così denunciato sia per la violazione delle prescrizioni imposte per l’emergenza epidemiologica COVID-19 , ex articolo 650 del codice penale, sia per le dichiarazioni false , ex articolo 495 del codice penale. Lo stesso, è stato segnalato alla Prefettura per violazioni in materia di stupefacenti ai sensi dell’art.75 del D.P.R. 309/90. Si è constatato, inoltre, che l’uomo circolava a bordo di ciclomotore con targa falsificata, sprovvisto della prescritta copertura assicurativa, senza il certificato di circolazione e senza aver mai conseguito la patente dl guida . Per il 44enne è scattata , dunque, anche la denuncia per falsità materiale. Verrà, altresì, segnalato alla locale ASL di Salerno per l’adozione del previsti provvedimenti.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Napoli, emessi 11 daspo per sicurezza nelle manifestazioni sportive

Pubblicato

in

Napoli, emessi 11 daspo per sicurezza nelle manifestazioni sportive

Due provvedimenti di divieto di accesso a manifestazioni sportive per 5 anni, due per periodi da 2 a 3 anni e 7 per un anno: è quando emesso oggi dal questore di Napoli. I primi vanno a limitare la libertà di due persone già destinatarie di Daspo, che pronunciarono frasi razziste allo stadio Menti di Castellammare di Stabia contro un calciatore della Cavese nel 2019, e che ora avranno anche l’obbligo di firma.I secondi due provvedimenti sono stati emessi per due persone condannate per reati in materia di stupefacenti e concorso esterno in associazione mafiosa con frode in competizioni sportive (con l’aggravante dell’agevolazione di associazione camorristica).Gli ultimi sette provvedimenti vanno invece a colpire altrettante persone che erano state trovate allo stadio Vallefuoco di Mugnano di Napoli con oggetti atti a offendere nascosti nelle proprie auto.

 

Continua a leggere



Cava de Tirreni

Inseguì il suo vicino fino in chiesa e lo accoltellò: arrestato 52 enne

Pubblicato

in

Cava dè Tirreni. Inseguì il suo vicino fino in chiesa e lo accoltellò: arrestato 52 enne. Deve scontare oltre cinque anni di carcere.

 

Gli agenti della Polizia di Stato di Cava de Tirreni hanno eseguito l’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore nei confronti di L.g., classe 1968, residente nella provincia di Salerno, condannato ad espiare la pena di cinque anni e quattordici giorni di reclusione. Il provvedimento è stato emesso a seguito della pronuncia di rigetto del ricorso in Cassazione avverso la sentenza della Corte d’Appello di Salerno, che già aveva condannato l’uomo.

Infatti, il destinatario della misura, L.g. , si era reso responsabile nel 2015 dei reati di tentato omicidio, lesioni aggravate, porto di armi, resistenza e violenza a p.u., nell’ambito di una violenta aggressione ad un uomo, in Cava de’ Tirreni.

In particolare, il soggetto, destinatario dell’ordine di carcerazione, aveva all’epoca dei fatti aggredito un suo vicino di casa, in Cava de’ Tirreni, colpendolo con un coltello ed una noccoliera. Il malcapitato aveva trovato rifugio in una chiesa, mentre il suo aggressore tentava ancora di aggredirlo, fino all’arrivo degli agenti che intervenivano tempestivamente ed arrestavano l’autore del reato, L.g., che, nell’occasione, si rendeva responsabile anche di resistenza e violenza nei confronti degli agenti intervenuti.

Gli agenti del Commissariato di Cava de Tirreni hanno oggi dato esecuzione all’ordine di carcerazione nei confronti del L.g., che è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria ed associato presso la Casa Circondariale.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette