Camorra, fu il ras Salvatore Fido ad uccidere Vincenzo Di Pede: ordinanza cautelare

Napoli. Le confessioni dei pentiti e i riscontri investigativi hanno permesso di fare luce su uno dei tanto omicidi della guerra di camorra degli anni scorsi tra il clan Mazzarella e il clan Formicola. Infatti stamane, su delega della Procura della Repubblica- Direzione Distrettuale Antimafia, di Napoli, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad […]

google news

Napoli. Le confessioni dei pentiti e i riscontri investigativi hanno permesso di fare luce su uno dei tanto omicidi della guerra di camorra degli anni scorsi tra il clan Mazzarella e il clan Formicola. Infatti stamane, su delega della Procura della Repubblica- Direzione Distrettuale Antimafia, di Napoli, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal GIP in data 21.2.2020, nei confronti del ras Salvatore Fido di 33 anni, gravemente indiziato di un omicidio aggravato commesso nell’ambito dello scontro armato tra il clan Mazzarella ed il clan Formicola. E in particolare dell’omicidio di Vincenzo Di Pede, avvenuto in data 25 agosto del 2012, che ha segnato, infatti, la rottura definitiva dei rapporti tra il clan Mazzarella ed il clan Formicola, un tempo alleati, e ha costituito il primo passo verso la formazione di una nuova alleanza Rinaldi-Reale-Formicola.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Caserta, a casa con la coca davanti ai figli: coppia in manette

Blitz della Squadra Mobile di Caserta tra i comuni di Casagiove e Curti

Neonato in pericolo di vita salvato dai medici della Campania e del Lazio

Il piccolo di 50 giorni è stato stabilizzato al Moscati di Avellino e trasferito al Bambin Gesù di Roma

Nola, denunciato tifoso: ha partecipato agli scontri di Cercola coi tifosi del Savoia

La polizia ha denunciato un tifoso del Nola: rientrava dalla trasferta con due mazze da baseball nel bagagliaio

Prof ucciso, l’assassino incastrato dalle tracce di sangue sui vestiti

Il prof ucciso nella scuola di Melito, Marcello Toscano, con molta probabilità si è anche difeso. Forse motivi economici dietro l'aggressione

IN PRIMO PIANO

Pubblicita