Gran Ballo in stile ‘800 per salutare le “Luci”

Il Gran Ballo che saluta l’evento Luci d’Artista, nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno, è un tuffo nel passato – rigorosamente in costume- reso possibile dai danzatori non professionisti che hanno dato forma alla splendida cultura di danza ottocentesca. Cavalieri e Dame indossavano per l’occasione abiti fedeli al tempo rappresentato, realizzati sui modelli […]

google news

Il Gran Ballo che saluta l’evento Luci d’Artista, nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno, è un tuffo nel passato – rigorosamente in costume- reso possibile dai danzatori non professionisti che hanno dato forma alla splendida cultura di danza ottocentesca. Cavalieri e Dame indossavano per l’occasione abiti fedeli al tempo rappresentato, realizzati sui modelli di metà ‘800, recando con sé il “carnet de bal” per segnare il nome della persona con cui danzare, proprio come accadeva ad un Gran Ballo negli anni del Risorgimento.
L’evento è stato fortemente voluto dall’Assessore alla Cultura del Comune di Salerno, Antonia Willburger, che ha parlato di «Luci d’artista illuminate da diverse e ricche manifestazioni culturali: dai concerti di musica classica nelle chiese, alle visite guidate nel centro storico alla scoperta delle nostre bellezze artistiche e storiche, del Teatro Verdi e poi le presentazioni di libri, mostre d’arte figurative e fotografiche nei palazzi storici aperti per di valorizzare il ricco patrimonio culturale della città».per l’arrivederci alle “Luci”
Chi c’era ha potuto assistere ad una vera Festa da Ballo, come quelle che venivano organizzate nell’800, durante le quali nobili e borghesi si incontravano nelle sale dei castelli e dei palazzi discutendo, a tempo di valzer e di quadriglie, di libertà, indipendenza, fratellanza e conquiste civili.
Il Gran Ballo che saluta l’evento Luci d’Artista, nel Salone dei Marmi del Comune di Salerno, è un tuffo nel passato – rigorosamente in costume- reso possibile dai danzatori non professionisti che hanno dato forma alla splendida cultura di danza ottocentesca. Cavalieri e Dame indossavano per l’occasione abiti fedeli al tempo rappresentato, realizzati sui modelli di metà ‘800, recando con sé il “carnet de bal” per segnare il nome della persona con cui danzare, proprio come accadeva ad un Gran Ballo negli anni del Risorgimento.
L’evento è stato fortemente voluto dall’Assessore alla Cultura del Comune di Salerno, Antonia Willburger, che ha parlato di «Luci d’artista illuminate da diverse e ricche manifestazioni culturali: dai concerti di musica classica nelle chiese, alle visite guidate nel centro storico alla scoperta delle nostre bellezze artistiche e storiche, del Teatro Verdi e poi le presentazioni di libri, mostre d’arte figurative e fotografiche nei palazzi storici aperti per di valorizzare il ricco patrimonio culturale della città».

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Elezioni 2022, Manfredi: “PD ascolti di più i sindaci”

Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi: "Fuori luogo parlare di fascismo 80 anni dopo"

Armi e droga a Torre Annunziata e Napoli: arrestato un francese, due denunciati

La polizia ha ritrovato in due appartamenti a Torre Annunziata e a Napoli droga e armi: arrestato un cittadino francese, denunciati altri due uomini

Punta Campanella, disabili alla scoperta delle meraviglie del Parco

Escursioni guidate e gratuite per ammirare da vicino l'Area Marina Protetta di Punta Campanella. Concluso con grande soddisfazione il progetto sperimentale. 

Camorra, boss in diretta sui social dalla cella

Massimiliano Esposito junior figlio del boss di Bagnoli detto o' scugnato è stato scoperto dal reporter Pino Grazioli mentre faceva le dirette social dal carcere di Asti

IN PRIMO PIANO

Pubblicita