“Pompei (Na) sta vivendo un periodo fortemente critico”. Lo ha dichiarato in una nota la senatrice pompeiana in commissione Ambiente Virginia La Mura (M5s). “Il verde urbano e’ oramai un miraggio – ha proseguito La Mura – il cemento regna sovrano ovunque, quei pochi giardini pubblici sono del tutto trascurati e gli alberi lungo le nostre strade o muoiono, come i pini che hanno contratto un batterio, o sono abbandonati, come le magnolie le cui radici per farsi spazio hanno dissestato i marciapiedi. Eppure Pompei presenta enormi potenzialita’ e potrebbe davvero diventare esempio virtuoso in Campania di un nuovo modo di vivere le citta’. Abbiamo bisogno innanzitutto di avere un modello culturale di riferimento che fissi delle priorita’: piantare alberi innanzitutto, utile contrasto allo smog, al surriscaldamento; curare gli spazi di aggregazione che abbiamo e aprirne anche di nuovi per fare in modo che siano utilizzati da cittadini di tutte le eta’; realizzare piste ciclabili, vera spinta propulsiva verso nuove forme di mobilita’. Voglio immaginare la mia citta’ come baluardo green, dove gli arredi urbani siano di aiuto alla vita degli abitanti, dove il verde primeggia, dove turismo non significhi solo orde di gente ammassata e bus che scaricano persone agli scavi per poi riportarle via una volta uscite. Immagino una citta’ che coinvolga tutti, che punti alla mobilita’ sostenibile, che sia un tutt’uno con le bellezze che la circondano. Molti di questi punti fanno gia’ parte del Progetto della Buffer zone, ma dobbiamo essere tutti protagonisti di questa trasformazione”. “Ed e’ per questo – ha concluso La Mura – che rivolgo un appello a tutti i cittadini e a tutte le associazioni pompeiane affinche’ ci si unisca per sviluppare progetti locali che risollevino Pompei dallo stato in cui si trova. Io ci sono, organizziamoci”.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati