Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Castellammare di Stabia

Fincantieri Castellammare, Manzo (M5S): “Il Governo è al lavoro per nuovi investimenti. Necessario piano di infrastrutture a sostegno del cantiere”

Pubblicità'

Pubblicato

il



Pubblicità'

Castellammare di Stabia.  La Deputata del Movimento 5 Stelle Teresa Manzo: “Per i Cantieri di Castellammare di Stabia sono stanziati nel decreto sugli investimenti 110 milioni, 70 di fondi statali, 40 di Fincantieri”. “Fincantieri non può e non deve diventare un caso di strumentalizzazione politica cittadina. Fincantieri non rappresenta soltanto la più importante realtà produttiva di Castellammare di Stabia, ma è soprattutto un riferimento per il Sud e il Paese. Un’eccellenza che va tutelata e non fatta oggetto di attacchi al governo”. A dirlo è la Deputata del Movimento 5 stelle Teresa Manzo, “ho già allertato il nuovo Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli sulla problematica sollevata nelle ultime ore in merito all’anfibio militare Lhd Trieste che lascerà a dicembre lo stabilimento Fincantieri di Castellammare per approdare a Muggiano, in provincia di La Spezia”. “E’ necessario – continua Manzo – avviare un piano di infrastrutture a sostegno dello stabilimento stabiese per contribuire a un percorso di rilancio. Fincantieri rappresenta una realtà di assoluto rilievo per il panorama industriale nazionale e il Governo è pienamente consapevole del suo ruolo strategico”.
“Come Movimento 5 Stelle stiamo lavorando a tutti i livelli istituzionali per garantire maggiori investimenti all’azienda che possano ottimizzarle produzione e qualità, così da attrarre nuove commesse”. “Per i Cantieri di Castellammare di Stabia sono stanziati nel decreto sugli investimenti 110 milioni, 70 di fondi statali, 40 di Fincantieri. La nostra intenzione, inoltre, è che sia l’inizio di un percorso che passi anche attraverso l’istituzione di una cabina di regia inter-istituzionale sul caso Fincantieri, con una programmazione di investimenti infrastrutturali e interventi a lungo periodo con nuove commesse e soprattutto per creare nuove opportunità occupazionali per il nostro territorio”, conclude.

Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

Covid, Fincantieri lancia il progetto pilota screening a Castellammare

Pubblicato

il

fincantieri
Foto da Google

La Fincantieri di Castellammare di Stabia si fa protagonista di un “progetto pilota” per lo screening con test rapido per l’individuazione di lavoratori in azienda che hanno contratto il Covid-19.

Lo screening sara’ condotto sui dipendenti e le tute blu dell’indotto, fino al prossimo 31 gennaio 2021. A cadenza settimanale, saranno effettuati 50 prelievi che interesseranno una platea di 1.220 lavoratori: 570 dipendenti diretti e 650 dell’indotto Fincantieri. La societa’ di Trieste ha firmato oggi un protocollo d’intesa con l’Unione degli Industriali di Napoli e con l’Asl Napoli 3 Sud, competente per territorio, in base al quale i dipendenti del cantiere navale di Castellammare di Stabia saranno sottoposti – su base volontaria – ai test rapidi, per rilevare eventuali casi di positivita’ anche asintomatici e scongiurare il propagarsi della pandemia negli ambienti di lavoro. E

ventuali positivita’ indurranno poi l’azienda a sottoporre i soggetti interessati a ulteriori approfondimenti con un tampone Rna. Per il lavoratore che risultera’ positivo al Covid-19, scatteranno le norme di prevenzione e di isolamento sanitario previste. L’attestazione di fine quarantena e di fine isolamento domiciliare fiduciario sara’ attestata dalla Asl Napoli 3 Sud secondo il criterio epidemiologico. La sede di effettuazione dei test rapidi sara’ resa disponibile dalla Fincantieri, all’interno del perimetro dello stabilimento. Il personale infermieristico specializzato sara’ fornito dall’Asl Napoli 3 Sud.

I tamponi saranno processati dai laboratori privati accreditati autorizzati ad effettuare test molecolari per SARS CoV-2 che operano secondo le indicazioni regionali. A cadenza settimanale, saranno effettuati 50 prelievi che interesseranno una platea di 1.220 lavoratori: 570 dipendenti diretti e 650 dell’indotto Fincantieri. Hanno firmato il protocollo d’intesa il direttore dello stabilimento di Castellammare di Stabia, Gilberto Tobaldi, il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud, Gennaro Sosto, e per l’Unione degli Industriali di Napoli, Michele Lignola.

Pubblicità'

Le Notizie più lette