Napoli, per il Riesame i due fratelli Del Re devono restare in carcere: ‘Sono insensibili verso la vita altruiR...

SULLO STESSO ARGOMENTO

I giudici del Tribunale del Riesame di Napoli, (presidente Antonio Pepe, a latere Maria Vittoria Foschini e Alessandra Maddalena),  hanno respinto le richieste di scarcerazione per i due fratelli Armando e Antonio Del Re. I due sono in carcere dal maggio scorso perché ritenuti responsabili dell’agguato del pomeriggio del giorno 3 in piazza Nazionale in cui furono feriti gravemente Salvatore Nurcaro, vero obiettivo, e per errore,  la piccola Noemi (rimasta tra la vita e la morte per un mese) e la nonna. Nelle 15 pagine delle motivazioni i giudici spiegano che “Non v’è dubbio che l’accaduto debba essere inquadrato in un contesto di criminalità organizzata, ambiente al quale appartengono tanto il Nurcaro, quanto gli indagati; tuttavia, come si desume anche dal contenuto delle intercettazioni ambientali successive al fatto, neppure la persone offese e i suoi familiari conoscono l’effettiva ragione dell’agguato, formulando in proposito ipotesi alternative tutte astrattamente plausibili (come la vendetta per un’aggressione subita da Stanislao Marigliano, figlio di Antonio; la rottura del rapporto con la moglie e le pretese economiche della donna; l’esistenza di un debito personale del Nurcaro verso Armando Del Re, lo svolgimento di attività criminose inerenti al blocco delle piazze di spaccio o alla raccolta dei proventi delle estorsioni in un territorio – quello di San Giovanni – rivendicato dai Marigliano)”. E inoltre parlano della “insensibilità morale” di Armando Del Re che “volutamente spettacolarizza la propria azione e che mostra una assoluta indifferenza per il destino di persone estranee, in particolare di donne e bambini”. Insomma anche se non è tutto chiaro il perché dell’agguato le responsabilità dei due fratelli Del Re appaiano evidenti anche ai giudici del Riesame. I due, difesi dagli avvocati Claudio Davino, Antonietta Genovino e Leopoldo Petrone, hanno sempre respinto le accuse, e si preparano al ricorso in Cassazione.

 






LEGGI ANCHE

Stasera in Tv:la programmazione di questa sera , 21 febbraio 2024.

Ecco la  programmazione tv di questa sera , 21 febbraio 2024, sui principali canali italiani: Rai 1 : alle 21:30 "Perche' Sanremo  e Sanremo?" Rai 2...

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE