Alcune decine di persone, poco meno di un centinaio, si sono raccolte in preghiera stasera a Napoli in prossimità del bar di Piazza Nazionale dove lo scorso 3 maggio è rimasta ferita in un agguato di matrice camorristica la piccola Noemi. A rispondere all’invito – che si è propagato via social – sono stati i fedeli di diverse associazioni devote alla Madonna dell’Arco. Tra loro numerosi bambini, diversi i coetanei di Noemi. Sono stati intonati canti ed è stato recitato il Rosario. Sono giunti da vari quartieri della città ma anche da realtà della provincia di Napoli e Caserta, come Pozzuoli e Aversa. Un ò’ di pioggia, caduta a partire dalle 22, non li ha dissuasi dal proseguire la preghiera. “Vogliamo dire ai napoletani – spiega Emanuele, seminarista nel quartiere di Pianura – che noi ci saremo sempre e non solo per la piccola Noemi ma anche per tutti gli altri. Non bisogna avere paura di denunciare e di pregare. Il nostro e’ un gruppo di preghiera nato sulla scorta di questo episodio. Ora non ci vogliamo fermare – prosegue – e abbiamo creato un cenacolo di preghiera per andare ovunque ci sarà bisogno delle nostre invocazioni”. Dopo il momento di riflessione, i fedeli hanno dato vita ad una fiaccolata. Sulle magliette bianche indossate da alcuni di loro, accanto all’effigie della Madonna, un adesivo impresso recita “Noemi, Dio è con te”. Molti dei partecipanti avevano preso parte ad un analogo momento di preghiera, assieme a centinaia di persone, la settimana scorsa davanti all’ospedale Santobono dove è ricoverata in prognosi riservata la piccola Noemi.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati