Causò la morte di un militare Usa e di un 31enne italiano sulla Nola-Villa Literno: in manette sergente americano

Imboccò contromano la statale 7bis Nola-Villa Literno e nell’incidente morirono due persone: arrestato giovane militare americano in forza alla base nato di Gricignano d’Aversa. L’incidente mortale il 6 settembre 2018, otto mesi dopo, per il duplice omicidio stradale è finito in carcere un 27enne, sergente dell’esercito Usa. Era alla guida dell’auto che urtò frontalmente varie auto, uccidendo sia il conducente di una delle vetture coinvolte, Luca Diana, che il passeggero che gli sedeva a fianco. L’arresto è stato disposto dal Gip del tribunale di Napoli Nord. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, che hanno indagato su delega della Procura della Repubblica di Napoli Nord guidata da Francesco Greco. Gli inquirenti hanno identificato il responsabile dopo aver setacciato le immagini delle telecamere di video-sorveglianza, aver ascoltato testimoni di quel terribile impatto; è così emerso che quella sera il cittadino Usa, di ritorno dai festeggiamenti per l’imminente rientro in patria, e forse ubriaco, imboccò contromano la statale nel territorio del comune di Casal di Principe, dando il via ad una carambola impazzita; la sua auto impattò contro una vettura, il cui conducente, un italiano di 31 anni, morì sul colpo, quindi si scontrò con altre tre auto, ferendo le persone che erano a bordo. L’altro soldato, un 21enne che viaggiava con il militare, riportò lesioni molto gravi e spirò poche ore dopo. Il sergente fuggì e si recò anche all’ospedale di Aversa per farsi medicare, ma poi lasciò la struttura per evitare di sottoporsi ai test alcolemici e antidroga.

Contenuti Sponsorizzati