Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Giudiziaria

Trattamento ‘inumano’ per il fratello del boss Zagaria: sconto di pena per ‘Bin Laden’

Pubblicato

in

pasquale michele zagaria


Caserta. Trattamanto ‘inumano e degradante’ uscirà dal carcere 200 giorni prima, nel 2027. Lo sconto di pena è stato riconosciuto a Pasquale Zagaria, detto ‘bin Laden’ fratello del boss Michele, uno dei quattro capi della federazione mafiosa di Casal di Principe. Il magistrato di sorveglianza di Cuneo Stefania Bologna ha ridotto la pena di 210 giorni al detenuto per le condizioni ‘sofferte’ dal recluso nelle carceri italiane. La decisione fa tornare nuovamente d’attualità la condizione di detenzione negli istituti di pena italiani, più volte stigmatizzata dal Consiglio Europeo. Pasquale Zagaria, detto ‘Bin Laden’, è stato considerato dagli inquirenti la “mente economica” del clan dei Casalesi. Nei primi anni 2000, trasferì il cuore economico del clan del cemento a Parma, rilevando la ditta quasi in disgrazia di un noto costruttore parmigiano, Aldo Bazzini, sposandone la figliastra Francesca Linetti. In questo modo riuscì ad accaparrarsi gli appalti del Ministero per le Infrastrutture che furono affidati a ditte indicate dai Casalesi.
Attualmente Pasquale Zagaria è detenuto nel carcere di Sassari. L’istanza presentata dai suoi legali riguarda i periodi di detenzione trascorsi negli istituti penitenziari di Torino, L’Aquila (dove ora si trova il fratello Michele), Spoleto, Santa Maria Capua Vetere, Tolmezzo, Napoli Poggioreale, Napoli Secondigliano, Lecce, Nuoro e Cuneo. Pasquale Zagaria è in carcere dal 28 giugno del 2007 e la sua scarcerazione è prevista, al momento, per il 2027. Il magistrato di sorveglianza ha calcolato lo sconto di pena in relazione ai periodi di detenzione trascorsi a Poggioreale (17 giorni), Lecce (10 giorni), Nuoro (5 giorni), la parte più consistente, 178 giorni, di riduzione della pena, è stata calcolata per l’insufficiente riscaldamento della cella subito quand’era a Cuneo, dal 4 agosto 2010 al 23 giugno 2015, giorno in cui è stato trasferito a Sassari, dove si trova attualmente.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Violò numerose volte la sorveglianza speciale: assolto pluripregiudicato dei Quartieri Spagnoli

Pubblicato

in

assolto pluripregiudicato dei Quartieri Spagnoli

Violò numerose volte la sorveglianza speciale: assolto pluripregiudicato dei Quartieri Spagnoli.

Nella giornata odierna, il Tribunale di Napoli, III sezione penale, in totale accoglimento delle richieste degli avvocati Alfredo Durante e Carlo Maria Faiello, ha assolto il pluripregiueicato Branni Antonio accusato di aver violato in diverse occasioni la misura della sorveglianza speciale impostagli con decreto del Tribunale di Napoli.

L’uomo era stato sottoposto dal Tribunale di Napoli alla misura della sorveglianza speciale per le sue frequentazioni criminali, per i numerosi precedenti e per la condotta complessivamente valutata sulla scorta della quale veniva formulato un giudizio di pericolosità in termini di attualità, stante la sua dedizione alla commissione di reati.
Lo stesso Tribunale, inoltre, visti i numerosi precedenti per spaccio, detenzione illegale di armi e resistenza a pubblico ufficiale, aveva definito allarmante la continuità della sua condotta delittuosa.

In seguito alla contestazione di violazione della misura della sorveglianza speciale, la III sezione del Tribunale di Napoli, in totale accoglimento delle difese degli avvocati Alfredo Durane e Carlo Maria Faiello, ha assolto il 45enne con la formula “perché il fatto non costituisce reato”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette