Cuoco napoletano violentava ragazzine nel Cilento dove lavorava: arrestato

Un 55enne di Vallo della Lucania, B.B. è stato arrestato con l’accusa di pornografia minorile e violenza sessuale. L’uomo, un cuoco, godeva nel fare sesso con minori o guardarle mentre erano in posizioni erotiche. Inoltre riprendeva con il proprio cellulare tutti gli incontri per poi ricattarle. Ad incastrare il 55enne una vittima, 13enne napoletana, che ha denunciato tutto alle forze dell’ordine. Ieri mattina, dopo una serie di articolate indagini, sono scattate le manette. Il pedofilo, secondo quanto emerso dalle investigazioni, adescava le ragazzine attraverso Facebook e, una volta fatto amicizia, le dava appuntamento a Napoli suo paese di origine. Dai filmati finiti sotto inchiesta ce ne sono alcuni che ritraggono la stessa minorenne impegnata a toccare le parti intime della sorellina di tre anni, degli atteggiamenti commissionati secondo quanto emerso dalle investigazioni proprio dal cuoco. Ad arrestarlo i carabinieri della stazione di Marina di Camerota diretti da Francesco Carelli dopo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Napoli “in quanto con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso ed in tempi diversi, con minaccia, costringeva minori a realizzare materiale pedopornografico corredato da violenza sessuale”.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati