Nuoto: Pellegrini lancia Isl, sara’ la rivoluzione

“Sono molto contenta di poter partecipare alla International Swimming League. Sara’ la rivoluzione del nuoto, l’obiettivo e’ portare l’intero movimento in una nuova dimensione. Il nuoto ha il dovere di diventare uno sport professionistico”. Federica Pellegrini ha firmato oggi a Milano il contratto che la lega ufficialmente alla Isl, la ‘Champions League’ del nuoto che vedra’ il proprio debutto nel 2019. Un progetto fortemente osteggiato dalla federazione internazionale Fina che minaccia gli atleti di sospensioni e addirittura di estrometterli dalle Olimpiadi. “Questo braccio di ferro – spiega Pellegrini, che unira’ il ruolo di atleta a quello di ‘Global Ambassador’ della manifestazione – non ha senso e sono certa si trovera’ un accordo per soddisfare tutte le parti in causa. D’altronde come si potrebbero fare le Olimpiadi senza gli atleti di e’lite?”. Sono molto contenta di poter partecipare alla International Swimming League. Sara’ la rivoluzione del nuoto, l’obiettivo e’ portare l’intero movimento in una nuova dimensione. Il nuoto ha il dovere di diventare uno sport professionistico”. Federica Pellegrini ha firmato oggi a Milano il contratto che la lega ufficialmente alla Isl, la ‘Champions League’ del nuoto che vedra’ il proprio debutto nel 2019. Un progetto fortemente osteggiato dalla federazione internazionale Fina che minaccia gli atleti di sospensioni e addirittura di estrometterli dalle Olimpiadi. “Questo braccio di ferro – spiega Pellegrini, che unira’ il ruolo di atleta a quello di ‘Global Ambassador’ della manifestazione – non ha senso e sono certa si trovera’ un accordo per soddisfare tutte le parti in causa. D’altronde come si potrebbero fare le Olimpiadi senza gli atleti di e’lite?”.

Contenuti Sponsorizzati