I brogli elettorali della camorra: la Esposito ed i fratelli davanti al giudice

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono stati fissati per venerdì mattina gli interrogatori dell’ex consigliere comunale di Maddaloni, Teresa Esposito, della mamma Carmela Di Caprio e dei fratelli Eduardo e Giovanni, finiti agli arresti domiciliari mercoledì mattina nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Napoli per corruzione elettorale aggravata dall’articolo 7. I quattro indagati sono tutti imparentati con il boss Antonio Esposito.
Secondo la ricostruzione della Squadra Mobile di Caserta che ha condotto le indagini alle ultime elezioni amministrative di Maddaloni ci sarebbero stati episodi di corruzione elettorale, sia attraverso il pagamento di soldi in cambio dei voti per l’aspirante consigliera della lista ‘OrientiAmo’ a supporto del candidato sindaco Andrea De Filippo, sia con promesse di lavoro e cresime. Ma il fatto più inquietante che emerge dall’inchiesta della Direzione Investigativa Antimafia è il controllo del voto attraverso una nuova strategia criminale del “Falso Candidato”. Non più solo le foto della scheda elettorale, o la sottrazione illecita dal seggio di una sola scheda, sventata con la numerazione delle stesse, che è stata la causa di tanti disagi e ritardi e nelle ultime elezioni, ma l’indicazione di un nome fasullo da aggiungere a quello veramente in lista.

Gustavo Gentile






LEGGI ANCHE

Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE